← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

LETTORI - Bestemmie e materassi al Parco Pontecorvo: ancora degrado a Fonte Laurentina

Via Gian Antonio Maggi · Laurentina

Ennesima segnalazione di degrado da Fonte Laurentina. Questa volta torna a catturare la nostra attenzione (in modo, ahimé, negativo) il Parco Ponecorvo, il dimenticato "polmone verde" del Quartiere. Da qualche mese a questa parte, molte le segnalazioni di degrado con oggetto il Parco, molti i reportage fotografici, alcuni dei quali ritraevano addirittura ROM con la valigia che si accingevano a passare la notte la dove i nostri figli passano le giornate a giocare. A tal proposito, rilevanti le segnalazioni da parte di esponenti di Alleanza Nazionale- Fratelli D'Italia, prima fra tutti Sabina Mariano, residente del Quadrante, che più volte ha dato voce al problema con segnalazioni ed esposti al Municipio e alle Istituzioni competenti. Ebbene, a distanza di un anno, il materasso è ancora lì, come anche i vetri rotti, le scritte sui muri, che si arricchiscono di qualche bestemmia scritta sugli attrezzi sportivi pubblici siti nel Parco. Il Parco è tutt'oggi in condizioni miserevoli, i campi da gioco e le strutture sportive sono fatiscenti, quello che una volta era uno spogliatoio ora è un deposito di rifiuti ed un covo per i teppisti del Quartiere che si divertono ad imbrattarlo. Cosa dobbiamo fare per farci sentire? Le Istituzioni ci degnino di una risposta e che sia soddisfacente. Non è accettabile una situazione simile, non possiamo lasciare quest spazi in balìa del degrado e della sporcizia. Non si possono ignorare mesi e mesi di segnalazioni. Facciamo appello al buonsenso dell'Assessore all'ambiente del Municipio IX, Alessio Stazi, e auspico (e ci auspichiamo) che le bestemmie siano rimosse con la stessa velocità con il quale lo stesso Assessore ha fatto rimuovere le scritte omofobe e discriminatorie in altri Quadranti del Municipio.

Jessica Simonetti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
RomaToday è in caricamento