Dal "Sorpasso" ad "Un sacco bello": Roma e i film di agosto che hanno fatto la storia

Tante le pellicole cinematografiche che hanno una Roma deserta e calda come protagonista. Dal 1950 fino alle produzioni più contemporanee, ecco i film girati ad agosto nella città eterna

Dalle strade di periferia al centro storico della città: i racconti di personaggi e personalità che attraversano  e vivono Roma nelle calde giornate di agosto. Una breve carrellata delle pellicole cinematografiche che hanno come protagonista la città eterna.

Domenica d'agosto

E’ inserito nell’elenco dei “100 film italiani da salvare”. Domenica d’agosto, ambientato nel 1950, rappresenta il passaggio formale dal neorealismo alla commedia di costume. E’ il 7 agosto, festa di San Gaetano, e i romani si organizzano per trascorrere al mare questa giornata. Le riprese, realizzate tra le zone di Porta Cavalleggeri, il Colle Oppio, il quartiere Testaccio e il Mattatoio, le stazioni dei treni Piramide, Ostia Centro e lo stabilimento balneare La vecchia pineta nel Lungomare di Ostia, raccontano storie di personaggi che appartengono alle diverse classi sociali. Padre della pellicola Luciano Emmer.

Il sorpasso

Il film del 1962 è considerato il capolavoro cinematografico di Dino Risi. La storia ha inizio la mattina di ferragosto quando Bruno Cortona (Vittorio Gassman), un giovane ragazzo romano, si mette alla ricerca di un pacchetto di sigarette e di un telefono pubblico. Durante la sua ricerca si imbatterà in un altro giovane, Roberto Mariani (Jean Louis Trintignant), uno studente di legge rimasto a casa per preparare gli esami che lo accoglierà in casa sua. I due affronteranno poi un viaggio lungo la via Aurelia. I due si raccontano, si conoscono e diventano quindi “amici occasionali”. Un’amicizia che sarà interrotta in maniera brusca e violenta a causa di un incidente mortale dopo l’ennesimo sorpasso, appunto. Sarà Roberto a perdere la vita.

Un sacco bello

Un David Speciale ai David di Donatello 1980, un Globo d'oro al miglior attore rivelazione e un Nastro d'argento al migliore attore esordiente ai Nastri d'argento 1980. Di certo una delle sue migliori interpretazioni. E’ anche così che Carlo Verdone ha conquistato il suo pubblico con il film “Un sacco bello” del 1980. La pellicola girata interamente a Roma nelle calde giornate di agosto e Verdone incarna diversi personaggi che ognuno con un’anima diversa. Enzo, Ruggero Brega, Leo Nuvolone, don Alfio, Anselmo, professore hanno qualcosa di particolare che racconta un intreccio e metta in evidenza caratteri e stili di vita.

Il pranzo di ferragosto

 Il film diretto da Gianni Di Gregorio racconta la storia di Gianni, un uomo di mezza età che vive con la madre in un appartamento al centro di Roma. Entrambi sono ricoperti di debiti e faticano a mandare avanti la baracca. Per una serie di circostanze Gianni avrà in casa sua ospiti molto particolari: signore di una certa età che oltre a pernottare in casa la sera del 14 agosto, parteciperanno anche al pranzo di ferragosto e poi continueranno  a vivere in casa sua in cambio di denaro.

Il casotto

Una commedia esilarante del 1977 per la regia di Sergio Citti. A rendere particolarmente simpatica la pellicola sono gli interpreti, tra questi Ugo Tognazzi, Gigi Proietti e Michele Placido. Siamo sulle spiagge di Ostia ad agosto e qui una cabina viene occupata a turno da diverse persone: una cabina collettiva che vede sulla scena prima una squadra di pallavolistegiocatrice di pallacanestro, poi un sacerdote inglese. Un susseguirsi di vicende che saranno poi interrotte da un improvviso temporale che costringerà tutti a tornare a Roma. 

Caro Diario

Scritto e interpretato da Nanni Moretti nel 1993, il film si è aggiudicato il premio per la migliore regia al Festival di Cannes l’anno successivo all’uscita. La pellicola si snoda in tre episodi: In vespa, Isole e Medici. Una sorta di diario aperto, appunto, dove il regista interpreta se stesso. Nel primo episodio Nanni, il protagonista, gira in vespa per le vie di Roma estiva, deserta e bellissima. Nel secondo episodio il protagonista decide invece di raggiungere un amico a Lipari. Nel terzo ed ultimo episodio, ricostruisce le tappe della lotta contro la malattia che lo ha tormentato per un anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento