Festa del papà: storia, aneddoti e ricette tradizionali

Alla scoperta delle origini della Festa del Papà, tra tradizioni e dolci ricette, per festeggiare con tutti i papà d'Italia anche in questo difficile momento

E' la Festa del papà anche con il Coronavirus. Anzi, è proprio in questo momento storico così complesso che - seppur a distanza per molti - è importante festeggiare i nostri papà. C'è chi ha pensato ad iniziative speciali, come la consegna dei bignè di San Giuseppe a domicilio, chi festeggerà con video chiamate, messaggi sui social, canzoni a tutto volume dai balconi. 

Noi vogliamo ripercorrere la storia e le origini della Festa del papà che ricorre, ogni anno, il 19 marzo. 

La storia

La festa del papà ha origine nei primi decenni del XX secolo, per festeggiare la paternità e i padri in generale. Alla fine dell'Ottocento la Chiesa Cattolica proclamò San Giuseppe (festeggiato proprio il 19 marzo) protettore dei padri di famiglia e patrono della Chiesa universale. "In Giuseppe hanno i padri di famiglia il più sublime modello di paterna vigilanza e provvidenza; i coniugi un perfetto esemplare d’amore, concordia e fedeltà coniugale [...]", sono le parole di papa Leone XIII che racchiudono il significato di questa ricorrenza.

La Festa del papà si celebra il 19 marzo in Italia e nella tradizione cristiana in genere, dunque, ma nel resto del mondo ricorre in altre date: in Serbia si celebra il 6 gennaio, nei Paesi che seguono la tradizione anglsassone la terza domenica di giugno. In Nuova Zelanda e in Australia è la Festa del papà la prima domenica di settembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dolci per festeggiare la Festa del papà

Il dolce che celebra la Festa del papà a Roma è il bignè di San Giuseppe,  dolce fritto e ripieno di crema. A Napoli sono tipiche le zeppole di San Giuseppe, mentre in Umbria e in Toscana il 19 marzo si mangiano le frittele di riso. In Sicilia si mangia la Sfince di San Giuseppe, una frittella morbida ripiena di ricotta di pecora e scorze d'arancia, in Lombardia e in altre regioni del Nord Italia sono tradizionali i tortelli di San Giuseppe. Dolci che in molti consegneranno a domicilio nella giornata di domani, per regalare un sorriso a tutti i papà d'Italia.

E' festa del Papà anche con il Coronavirus. I bignè a Cinecittà arrivano a domicilio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento