Vaccini obbligatori per l'iscrizione a nidi e materne: tutte le informazioni

Le modalità d'iscrizione ed i vaccini obbligatori per l'ammissione dei bambini ai nidi ed alle scuole dell'infanzia di Roma e del Lazio

Tornare ad una percentuale di vaccinati sopra il 95%. Un obiettivo indicato dall'Organizzazione mondiale della sanità e del quale il Governo si è fatto carico. Questa è la cornice, in cui s'inserisce il decreto vaccini che il 31 luglio 2017 è stato convertito in legge. Un fine che s'intende conseguire, nel rispetto delle autonomie regionali e di quelle delle province di Trento e Bolzano.  Ma che presuppone l'obbligatorietà della vaccinazione per l'ammissione agli asili nido ed alle scuole d'infanzia.

Le vaccinazioni previste per legge

Sono dieci complessivamente (anti-poliomielitica anti-difterica anti-tetanica anti-epatite B anti-pertosse anti-Haemophilus influenzae tipo b anti-morbillo anti-rosolia anti-parotite anti-varicella) le vaccinazioni che dovranno  essere effettuate antro il sedicesimo anno di età. Quattro di queste, la Rosolia, il Morbillo, la Parotite e la Varicella, sono soggette a revisione ogni tre anni in base ai dati epidemiologici e delle coperture vaccinali raggiunte" si legge sul sito del Ministero della Salute. La novità in questo caso riguarda la varicella la cui vaccinazione è divenuta obbligatoria per i bimbi nati nel 2017. Sono inoltre vivamente consigliate, ma non obbligatorie, le vaccinazioni anti-meningococcica B, anti-meningococcica C, anti-pneumococcica ed anti-rotavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La certificazione nel Lazio

Per quanto riguarda le modalità di ammissione nelle scuole, ampia discrezionalità è stata lasciata alle Regioni. Nel Lazio viene seguita la modalità operativa già scelta dalla città di Frosinone. In base al protocollo d'intesa siglato con l'ufficio scolastico regionale, saranno i dirigenti scolastici a dover comunicare alle Asl, via PEC, l'elenco degli iscritti. I genitori in tal modo non avranno alcuna incombenza e non dovranno presentare autocertificazioni nè libretti delle vaccinazioni. Sarà infatti la Asl che, ricevuti gli elenchi, verificherà se ci sono degli indadempienti o dei ritardatari. In quei casi le famiglie verranno contattate perchè assolvano all'obbligo della vaccinazione. Pena, l'esclusione dai nidi e dalle scuole d'infanzia dei loro figli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento