menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nidi e materne pronti a riaprire: maestre con mascherine e visiere, niente distanziamento tra bambini

Il Campidoglio ha pubblicato il documento con le raccomandazioni per la ripresa delle attività: tutte le regole anti Covid per educatori, genitori e piccoli

Misurazione della temperatura per chi accede alle strutture, percorsi differenziati per l’ingresso e l’uscita al fine di ridurre al minimo il rischio di mixing, mascherine obbligatorie per tutto il personale. Guanti e visiera durante il cambio dei bambini, educatori con la visiera anche al momento del pasto. 

Sono queste alcune delle raccomandazioni messe a punto dalla task force capitolina che ha elaborato le nuove proposte organizzative per la ripresa delle attività di nidi e scuole dell’infanzia di Roma. 

Quando riaprono nidi e materne a Roma

Le date di apertura sono già state fissate: i nidi il 9 settembre (orario unico fino al 9 ottobre, orientativamente dalle 8 alle 14; dal 12 ottobre sarà attivo il tempo pieno); le materne il 14 settembre, con orario unico fino al 30 e tempo pieno a partire dal 1 ottobre. Il pasto per tutti i servizi sarà garantito fin dal primo giorno. Come di consueto, i gruppi educativi programmeranno, dopo i primi giorni di accoglienza dei vecchi iscritti, spazi di socialità e di relazione con i genitori e i nuovi iscritti, in piena sicurezza, tramite attività ed esperienze propedeutiche all’ambientamento e al successivo inserimento. Ripartono dunque così gli oltre 300 nidi, compresi quelli a gestione indiretta, e le 318 scuole dell’infanzia della Capitale. 

Nidi e materne, tutto pronto per la ripartenza: le date di apertura e le regole anti contagio da rispettare

La ripartenza di nidi e scuole dell'infanzia, Raggi: "Diamo quotidianità a bambini"

“La riapertura delle scuole è condizione essenziale per una vera ripartenza della vita della città, dopo un lockdown che ha condizionato le abitudini di bambini e famiglie. Vogliamo consentire anche ai più piccoli una ripresa delle attività quotidiane, in sicurezza ma restituendo un ruolo privilegiato alla socialità, alla crescita e al progetto educativo. Ringrazio tutti i componenti della Task Force per l’impegno con cui hanno portato avanti questo fondamentale lavoro” - ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Per i bambini niente mascherine, sezioni distanziate

Ogni giorno genitori, personale e operatori dichiareranno la sussistenza delle condizioni di salute necessarie per l’accesso al servizio, firmando su un apposito registro. I bambini e le bambine non indosseranno la mascherina e il distanziamento non sarà individuale ma tra gruppi/sezioni per consentire l’apprendimento della socialità e della relazione. 

Ci saranno quindi gruppi stabili di bambini iscritti, ciascuno con i medesimi educatori e insegnanti di riferimento, in uno spazio fisico stabile.

Nessun gioco da casa, un ciuccio solo per il nido

Materiali e giocattoli dovranno essere ad uso esclusivo di ciascun gruppo/sezione o sanificati prima del passaggio da un gruppo/sezione all’altro. Non sarà possibile portare oggetti e materiali da casa, ad esclusione dell’abbigliamento necessario all’eventuale cambio, compresi i pannolini in pacco integro che sarà igienizzato. Il ciuccio, se utilizzato, dovrà essere ad uso esclusivo del servizio. La sterilizzazione sarà a cura del personale della struttura.
 
Al fine di limitare al massimo l’avvicendamento del personale educativo e scolastico, nonché il potenziale mixing dei gruppi, si prevede di assegnare a ciascuna struttura un organico di potenziamento. Il sostegno educativo e didattico sarà garantito nelle scuole dell’infanzia con le consuete modalità e nei nidi attraverso l’ampliamento dell’orario dell’organico di diritto.
 
“La ripresa della normalità e la riapertura della scuola, con tutte le necessarie azioni di sicurezza sanitaria previste, costituiscono dal punto di vista pedagogico il percorso privilegiato per quella serenità emotiva cui i bambini hanno diritto. Abbiamo lavorato con impegno perché la tutela della salute - ha aggiunto l’assessora alla Persona Scuola e Comunità solidale Veronica Mammì - fosse integrata alla ripresa del gioco e delle proposte educative e didattiche di cui i nostri bambini sentono la mancanza. Stiamo gestendo ogni tassello necessario perché possano riprendere la loro quotidianità scolastica in piena sicurezza”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento