Martedì, 18 Maggio 2021
Scuola

Nidi, il Comune assicura: "Le mascherine sono arrivate a tutti". Ma i municipi chiedono altre risorse

Il punto in commissione Scuola sulle forniture dei dispositivi di protezione alla riapertura degli asili

Immagine d'archivio

Fonte agenzia Dire - Tutti i nidi e le scuole di infanzia di Roma Capitale sono in possesso dei dispositivi di protezione individuale anti coronavirus e dei termoscanner. Gli strumenti di prevenzione del Covid erano presenti "il primo giorno di apertura dei nidi, il 9 settembre, e il primo di apertura delle scuole dell'infanzia ieri, in ogni istituto tranne in un nido del V Municipio, per un problema tecnico, già risolto".

È quanto fatto sapere oggi dal direttore del dipartimento Servizi educativi e scolastici, Luisa Massimiani, nel corso della commissione capitolina Scuola convocata questa mattina per fare il punto della situazione sulla presenza negli istituti di mascherine, visiere, termoscanner ed altri dispositivi di protezione individuale in ottica coronavirus. Il tema in commissione è stato introdotto da Silvia Foriglio, dell'assessorato alla Scuola. 

"Abbiamo stanziato un importo di 1,5 milioni a favore dei Municipi - ha detto - in modo tale che quest'ultimi potessero acquistare, in autonomia, i vari dispositivi. Abbiamo scelto questa strada, invece che un acquisto centralizzato, perchè la somma di 1,5 milioni era sopra soglia e quindi ci sarebbe stato bisogno di una gara. Ma in questo modo non avremmo fatto in tempo per l'apertura dei nidi il 9 settembre. Quindi, con l'approvazione del bilancio, visibile ai Municipi il 5 agosto, abbiamo diviso l'importo specifico per i vari Municipi in base alle strutture, agli insegnanti e al numero degli alunni".

"In assestamento di bilancio il dipartimento, su input dell'assessora Mammì - ha aggiunto Massimiani - ha deciso di non mandare in economia alcuni fondi e prevedere uno stanziamento delle risorse necessarie per l'acquisto di questi dispositivi. Noi, come dipartimento, abbiamo fatto un'opera di coordinamento e monitoraggio per fare in modo che questi fossero presenti all'inizio dell'anno in tutte le strutture ed abbiamo poi effettuato controlli costanti, settimanalmente. I nidi li hanno avuti tutti il 9, se non un nido del V Municipio, la cui situazione si è risolta il giorno successivo. Nelle scuole dell'infanzia, dal monitoraggio effettuato, risulta che in tutte le strutture sono presenti dispositivi e termoscanner. I risultati sono, dunque, positivi e l'anno scolastico è stato avviato in modo consono. Ci stanno, però, arrivando richieste dei Municipi per ulteriori risorse. Voglio dire che la circostanza della messa a disposizione dei fondi è stata dovuta ad economie di bilancio che ora non abbiamo più. Non ci sono più fondi. Ho chiesto quindi ai Municipi di intercedere con la Ragioneria per chiedere fondi ulteriori". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nidi, il Comune assicura: "Le mascherine sono arrivate a tutti". Ma i municipi chiedono altre risorse

RomaToday è in caricamento