menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola, buoni libro: al via le domande per l’anno scolastico 2020/2021

Quest'anno è più facile accedere ai buoni libro per gli studenti delle scuole di I e II grado statali e paritarie. Raggi: “Sono un aiuto concreto anche per le famiglie che si sono trovate in difficoltà a causa del Covid”

Più soldi e maglie più larghe per accedere ai “buoni libro”. Roma Capitale ha annunciato, per l’anno scolastico 2020/2021, quali sono le procedure necessarie per accedere al contributo.

L'annuncio della Sindaca

“Anche quest’anno le famiglie romane più fragili potranno richiedere un buono da utilizzare per acquistare i libri scolastici – ha dichiarato la Sindaca Raggi – i buoni provvedono a garantire la gratuità, totale o parziale, dei libri di testo per gli alunni iscritti alle scuole medie e superiori. Un sostegno che quest’anno è ancora più importante perché dà un aiuto concreto alle tante famiglie che, a causa dell’emergenza coronavirus, si sono trovate in condizioni economiche difficili”.

Chi ne beneficia

Rispetto all’anno precedente, il Campidoglio ha deciso di accogliere un maggior numero di richieste. Se nel 2019 infatti il limite ISEE era stato di poco superiore ai 10mila euro, per accedere ai buoni scolastici dell’anno 2020/2021 basterà che l’indicatore della situazione economica equivalente non attesti una cifra superiore ai 15493,71 euro. Il contributo è destinato ai residenti ma anche agli studenti, non residenti, iscritti nelle scuole romane. E, come anticipato, ne possono beneficiare gli studenti di primo e secondo grado.

A quanto ammonta il contributo

Le cifre che il Campidoglio ha messo a disposizione per i buoni scuola, variano in funzione dell’anno a cui lo studente è iscritto. Per la prima media è infatti previsto un buono di 130 euro che scende a 60 per la seconda media e si attesta sui 70 euro per l’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado. Per quanto riguarda le scuole superiori, gli importi riconosciuti sono leggermente più alti. Si parte da 140 euro per il primo anno, che diventano 70 per la II, IV e V classe. Per il terzo anno delle superiori invece il contributo sale a 90 euro.

Buoni Libro a Roma: come fare domanda

Per richiedere i buoni è necessario presentare una domanda in formato elettronico. Bisogna pertanto accedere al sito di Roma Capitale ed inoltrare la richiesta entro il primo dicembre del 2020. La domanda può essere inoltrata da chi esercita la responsabilità genitoriale dell'alunno o dallo studente stesso, se maggiorenne, accedendo al servizio Domanda buono libro. E' raggiungibile dal  tramite il Portale di Roma Capitale seguendo il percorso: Servizi – Scuola – Diritto allo Studio - Servizi online- Domanda buono libro digitale.

Come utilizzare i buoni libro a Roma: librerie convenzionate

Ciascun avente diritto (genitore, tutore o esercente la responsabilità genitoriale o studente maggiorenne) avrà l'obbligo di utilizzare i buoni libro personalmente, o mediante delega, presso gli esercizi autorizzati, munito di un documento di identità in corso di validità.

Roma Capitale rilascerà al richiedente il buono libro, il cui importo varia in base al grado ed all’ordine della scuola frequentata. Potrà essere utilizzato entro e non oltre il 21 dicembre 2020 per l’acquisto di libri di testo nelle librerie convenzionate con Roma Capitale il cui elenco è disponibile sul portale del Comune alla pagina Scuola – Diritto allo studio.

Chi risiede a Roma ma studia fuori

Per gli alunni che risiedono a Roma Capitale ma frequentano scuole ubicate nel territorio di altri Comuni la richiesta del buono libro dovrà ugualmente essere presentata, nei tempi previsti, attraverso la procedura online (Domanda buono libro digitale. Il richiedente si troverà davanti ad una scelta. Potra infatti utilizzare il buono, presso una delle librerie convenzionate con Roma Capitale; oppure potrà acquistare i libri di testo presso altre librerie o cartolibrerie, anticipando la somma necessaria all’acquisto dei libri di testo. Il rimborso va richiesto sempre in via telematica, quindi accendendo al portale  di Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici - Ufficio diritto allo studio -  Bisognerà mandare poi una PEC protocollo.famigliaeducazionescuola@pec.comune.roma.it oppure via un'email all’indirizzo contributi.dipscuola@comune.roma.it . 

Per ottenere il rimborso è necessario compilare i moduli scaricabili dal sito www.comune.roma.it - Scuola - Diritto allo studio – Buoni libro - Modulistica, alla domanda dovrà essere allegata la fattura comprovante l’acquisto, il buono non speso, copia di un documento di identità, copia del codice fiscale e il modulo per esprimere il consenso al trattamento dei dati personali.

Saranno rimborsate spese per acquisto dei testi scolastici fino alla concorrenza dell’importo unitario del buono, secondo la ripartizione precedentemente indicata. 

Chi studia a Roma ma risiede in altro comune

Per gli studenti iscritti presso scuole situate nel territorio capitolino, ma non residenti a Roma, la richiesta del contributo dovrà essere presentata al comune di residenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento