Sanità, ospedale Bambino Gesù avvia la campagna fondi per l'Istituto dei tumori e trapianti

Le donazioni sono possibili fino al 30 aprile 2020

L'ospedale prediatrico Bambino Gesù di Roma ha avviato una raccolta fondi per la realizzazione dell'Istituto dei Tumori e dei Trapianti. La nuova struttura, si legge in una nota diramata dal nosocomio, si è resa necessaria per offrire spazi più adeguati e tecnologie più sofisticate all'aumentata richiesta di accoglienza di bambini che necessitano di cure oncologiche o di trapianto di cellule e organi. Si può contribuire alla raccolta fondi tramite il numero solidale 45535 attivo fino al 30 aprile 2020. Il progetto sarà presentato oggi pomeriggio nell'ambito della "Festa delle famiglie" del Bambino Gesù, un evento voluto dalla presidente Mariella Enoc per celebrare all'interno della comunità dell'Ospedale la ricorrenza dei 150 anni dalla fondazione. 

La campagna di comunicazione è stata creata pro bono dall'Agenzia Grey di Milano a partire dal concept "Il futuro è una storia di bambini" ideato da Antonio Romano (Inarea) per celebrare, nel 2019, i 150 anni di vita dell'Ospedale Bambino Gesù. Per comunicare un argomento importante e delicato come quello delle patologie oncologiche nei bambini, Grey ha scelto di raccontare una storia vera, quella di Carmelo, oggi diventato adulto e medico dello stesso Ospedale che l'ha guarito dal linfoma di Hodgkin di cui era affetto. A narrare la storia di Carmelo, sia nel video che nello spot radio, c'è Lorenzo Jovanotti che ha collaborato al progetto con la voce e con il suo famoso brano "Oh Vita!". Lo spot d'animazione è stato, invece, realizzato da Revolution Department e diretto da Andrea Pecora e le illustrazioni sono state create da Marianna Tomaselli, mentre per lo spot radio l'agenzia si è avvalsa dell'aiuto della casa di produzione audio Eccetera. 

Il progetto di creare un Istituto dei tumori e dei trapianti consentirà di avere spazi adeguati per i reparti di degenza ordinaria e diurna, inclusa l'area intensiva, le sale operatorie, i servizi diagnostici con dotazione di apparecchiature di ultima generazione, i percorsi in urgenza, la preparazione dei farmaci, la ricerca, la formazione, le famiglie, il gioco e lo studio. L'Istituto dei tumori e dei trapianti sarà dedicato alle cure dei bambini e degli adolescenti con leucemie, linfomi, tumori solidi, tumori cerebrali, trapianti di cellule staminali emopoietiche e di organi solidi. 

Le principali linee di sviluppo del progetto riguardano la cura dei tumori (principalmente con lo sviluppo e consolidamento della terapia cellulare e genica CAR-T, con approccio alle cure attraverso la medicina di precisione), i trapianti (con percorsi integrati medico-chirurgici per i trapianti di organi solidi, percorsi dedicati agli adolescenti e giovani adulti, rigenerazione polmonare), lo sviluppo della medicina di precisione come quello fondato sulle terapie geniche, i centri trials clinici, la ricerca traslazionale e la formazione nazionale e internazionale.  

Fino al 30 aprile 2020 è possibile sostenere il progetto dell'Ospedale effettuando una donazione di 2 euro con sms e di 5/10 euro da rete fissa al numero solidale 45535 grazie agli operatori di telefonia Tim, Vodafone, Wind 3, PosteMobile, iliad, Coopvoce, Tiscali, TWT, Convergenze, Fastweb. È possibile anche effettuare donazioni attraverso il codice bancario intestato all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù presso Banca Intesa: IT 28O 03069 05020 100000064663, inserendo come causale "Istituto dei Tumori e dei Trapianti". È possibile infine chiedere informazioni sul progetto e sulle iniziative di sostegno all'indirizzo di posta elettronica donaora@opbg.net. (Comunicati/Dire) 13:22 28-06-19 NNNN 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento