Sanità, liste d'attesa: nel Lazio agende uniche per pubblico e privato

Da Novembre nel Lazio il servizio di ReCup comprenderà, anche, le agende digitali delle strutture private per un migliore e più rapido accesso alle prestazioni sanitarie

Intervento di svolta per la Sanità nel lazio. Da Novembre 2018 le agende digitali delle principali strutture private accreditate presso il Servizio Sanitario Regionale del Lazio saranno integrate sul ReCup regionale, grazie ad un accordo firmato tra Regione Lazio e  principali associazioni di categoria interessate (AIOP, ANISAP, ARIS Lazio, UNINDUSTRIA, FEDERLAZIO, FEDERLAZIO Salute e FEDERLAZIO Sanità Privata).

Il servizio di ReCup, consente la prenotazione delle prestazioni sanitarie in forma digitale, una volta inviata la richiesta si viene ricontattati mel minor tempo possibile. Le Strutture sanitarie private accreditate, ora, potranno interfacciarsi con il sistema informativo del ReCup e caricare la propria agenda digitale che sarà così resa disponibile nel sistema di prenotazione regionale. Grazie a questo strumento di implementazione si mette a disposizione del pubblico circa il doppio delle prestazioni, consentendo un più rapido e facile accesso. L'attivazione del servizio avverrà in due fasi: la prima volta a integrare le agende digitali e la seconda incentrata sul collaudo del meccanismo che avrà luogo a fine Novembre. 

La conseguenza diretta è, dunque, come precisato dal presidente dellla Regione Lazio Nicola Zingaretti è "che aumentano le disponibilità e si accorciano i tempi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nello specifico  si partirà  "dalle Risonanze magnetiche per poi passare all’alta specialistica come le visite ambulatoriali e la diagnostica per immagini. Le prestazioni saranno configurate secondo classi di priorità e saranno rese disponibili dalle strutture sanitarie private accreditate nel sistema del ReCup" , così ha spiegato Alessio D’Amato, assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio Sanitaria, che ha aggiunto: "Questo avrà un positivo impatto sia per quanto riguarda l’offerta e la trasparenza, ma soprattutto nella gestione del governo delle liste d’attesa. Ci aspettiamo un generale miglioramento delle liste di attesa. Oggi per le prescrizioni con classe di priorità l’80% delle prenotazioni il servizio viene erogato nel rispetto dei tempi massimi, come riportato dal portale Salutelazio.it nella sezione ‘monitoraggio tempi di attesa’. Con questa operazione è credibile arrivare al 90% che è l’obiettivo prefissato”.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento