Fatebenefratelli, al via le 'videovisite' gratuite per la riabilitazione degli anziani con frattura al femore

I primi incontri virtuali si terranno a partire dal 30 luglio

Per gli anziani sottoposti a interventi per una frattura del collo del femore arrivano le 'videovisite'. E' quanto viene messo in campo dall'ospedale Fatebenefratelli dell'Isola Tiberina a partire dal 30 luglio. Un servizio gratuito avviato nell’ambito delle molteplici iniziative di 'sanità digitale', per l’attività dell’Unità Operativa di Ortopedia dedicato all’assistenza a distanza dei pazienti anziani che necessitano di controlli successivi all’intervento al collo del femore. Lo comunica l'ospedale con una nota.

Si tratta di persone estremamente fragili, data l’età molto avanzata, che hanno grosse difficoltà a spostarsi e necessitano di qualcuno che li accompagni. Basterà un semplice smartphone, eventualmente con l’aiuto di un figlio o di un nipote, per dare la possibilità allo specialista di valutare in diretta la mobilità del paziente.

“Lo strumento della videovisita" spiega il direttore dell’Unità di ortopedia all’Isola Tiberina, Vincenzo Sessa "offre la possibilità al medico ortopedico di entrare ‘in casa’ della persona, verificare il suo stato di salute, i progressi fatti, senza che questa debba recarsi in Ospedale. Uno strumento in più per capire il contesto in cui il paziente vive e intervenire quindi in maniera ancora più appropriata con consigli clinici e pratici per una migliore organizzazione".

Il nuovo sistema, che sfrutta le potenzialità delle tecnologie di comune utilizzo, è pensato per restare accanto alla persona non solo in funzione del periodo di distanziamento sociale imposto dalle misure anti-Covid ma anche come nuovo modello di assistenza sanitaria.

“L’unico trattamento utile nel paziente anziano con frattura del femore" chiarisce lo specialista "è l’intervento chirurgico e va effettuato in maniera tempestiva, entro le 48 ore dall’evento traumatico, per aumentarne le probabilità di sopravvivenza. In questo percorso, dunque, anche la riabilitazione precoce diventa importante”.

Gli incontri di videovisita hanno cadenza mensile e proseguono fino al recupero completo della mobilità del paziente. Per prenotare una videovisita ortopedica per pazienti con frattura del collo del femore basta cliccare su https://videovisita.fatebenefratelli-isolatiberina.it oppure chiamare il numero 06.68136911.

L'identikit del paziente

Ogni anno presso il Fatebenefratelli-Isola Tiberina vengono trattati più di 100 pazienti over 65 con frattura del collo del femore. Nella maggior parte dei casi si tratta di persone con un’età superiore ai 90 anni. Non di rado vivono da soli e non hanno figli, ma solo parenti in linea collaterale, pertanto a volte la loro persona di riferimento può essere un vicino di casa o il membro di un’associazione o di una parrocchia. Talora questi utenti sono affetti da disturbi cognitivi più o meno gravi che, con la degenza e l’intervento, inevitabilmente si accentuano.

In circa la metà dei casi, i pazienti, per lo più donne, dopo l’intervento vengono avviati presso una struttura convenzionata per la riabilitazione. Nell’altra metà dei casi, non rientrano nei parametri di autosufficienza richiesti dai Centri di Riabilitazione, pertanto sono costretti a rientrare direttamente a casa, con conseguenti grandi difficoltà organizzative, ovviamente, poiché solo una parte di loro ha la possibilità di avere una badante o ha un parente che può accoglierlo nella sua abitazione.

Il 25% dei pazienti recupera la condizione psico-fisica antecedente alla frattura, mentre un altro 25% purtroppo non sopravvive a un anno di distanza. Il restante 50%, quindi la maggioranza, sopravvive ma con un aumentato grado di disabilità. Il completo recupero, anche nei pazienti più giovani e con minori co-morbidità, si realizza solo dopo mesi.

La frattura del collo del femore: cause, prevenzione e trattamento

La frattura del collo del femore è determinata abitualmente da una banale caduta o a volte da una semplice torsione della gamba in pazienti affetti da osteoporosi. Fondamentale la prevenzione che l’Unità di Ortopedia del Fatebenefratelli-Isola Tiberina svolge attraverso un ambulatorio dedicato alla prevenzione e cura dell’osteoporosi, in collaborazione con l’Unità di endocrinologia e diabetologia.

Oggi le linee guida regionali impongono che tutti i pazienti con frattura del femore vengano sottoposti ad intervento, unica possibilità di sopravvivenza. L’intervento deve essere effettuato entro le 48 ore, in quanto è stato dimostrato che un intervento precoce aumenta la percentuale di sopravvivenza. Un aspetto molto importante è anche la riabilitazione precoce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’organizzazione del Reparto di Ortopedia dell’ospedale prevede infatti l’intervento di una terapista della riabilitazione già il giorno successivo all’intervento, con l’obiettivo di iniziare la deambulazione il più precocemente possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento