menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Twitter di @residentiCM

Foto da Twitter di @residentiCM

Ztl aperte, delirio di traffico nel weekend: il cuore di Roma si trasforma in una distesa di lamiere

Auto ovunque, da piazza Venezia a piazza del Popolo passando per il lungotevere completamente intasato, e aree pedonali scambiate per parcheggi

Macchine su macchine in coda da piazza Venezia al Tridente, da Borgo a villa Borghese passando per il lungotevere, intasato per tutto il weekend o quasi. La sindaca Virginia Raggi ha deciso di aprire i varchi della Ztl, per consentire ai romani di raggiungere il Centro storico facilitando gli acquisti di Natale. Una risposta ai tanti appelli disperati dei commercianti, dopo settimane di polemiche dalla categoria, e un modo per alleggerire - almeno nelle intenzioni - il carico sui mezzi pubblici in tempi di pandemia. Il risultato? Un delirio di lamiere che hanno invaso strade e piazze dello shopping e aree limitrofe. 

Sabato pomeriggio, ore 17. In piazza Venezia si procede a passo d'uomo tentando di percorrere la rotonda completamente intasata. Conviene ammirare le luci di Spelacchio dal finestrino dell'auto. Per girarci intorno servono dieci minuti e non è l'eccezione, non è lo snodo critico dove si concentra il traffico fisiologico di un qualunque fine settimana. Il caos prosegue identico sul tratto iniziale di via del Corso fino alla galleria Alberto Sordi. Poi, sostituito nella parte pedonale che arriva a piazza del Popolo da una distesa umana di avventori dello shopping (con mascherina ma senza distanza alcuna), ecco che le auto si spostano nelle vie del Tridente. In via di Ripetta tra macchine incolonnate e marciapiedi occupati quasi non si cammina neanche a piedi. Non va meglio nel quadrante tra Montecitorio e palazzo Madama. Le auto sono dappertutto, per non parlare del lungotevere. Chiunque abbia acceso un navigatore ha visto solo tratti evidenziati in rosso su entrambi i lati, dal Circo Massimo a piazza del Popolo almeno, a indicare i mezzi imbottigliati. 

Le polemiche, dai tassisti ai residenti

Un inferno che risveglia le polemiche di chi all'apertura dei varchi (prorogata al 15 gennaio) era contrario. Rimbalzano sui profili social dei romani le immagini del traffico impazzito con annessi attacchi a Raggi. "Tutta la mobilità intorno al Tridente è bloccata. Idem in tutta la zona di piazza Venezia. Chissà perché gli anni passati a Natale si controllava il traffico eh @virginiaraggi?" twitta il gruppo residenti Campo Marzio.

"Così tutti i giorni da quando @virginiaraggi ha fatto #Tanaliberitutti con la #ZTL. Si può andare avanti così fino al 15 gennaio? A chi può mai portare beneficio questa situazione?" scrive Martina C. postando un video che riprende un vicolo del Centro storico con auto incolonnate. Attacchi al Campidoglio anche dal blog Roma fa schifo, da sempre sostenitore di forme di mobilità alternativa che riducano il traffico privato. Su Facebook con diverse foto a testimonianza fa notare le tante macchine parcheggiate nelle aree pedonali, vedi piazza Borghese e via Sant'Elena in zona largo Argentina. 

A sollevare lamentale contro Raggi e la scelta di rendere il centro accessibile alle auto ci sono poi i tassisti. "La scelta di spalancare ripetutamente l'area Ztl al traffico privato, fa onestamente a pugni con la costante e continua incentivazione della cosiddetta mobilità alternativa, messa in campo da questa giunta, anche attraverso la diffusione dell’uso dei cosiddetti mezzi in condivisione" si legge in una nota dei coordinatori del comparto taxi di Fit-Cisl Lazio, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Ati Taxi e Associazione Tutela Legale Taxi.

Senza contare le spaccature in maggioranza proprio sul tema Ztl. Fermo oppositore del provvedimento il consigliere M5s, presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefàno. Che proprio la scorsa settimana ha detto la sua con un duro post sui social: "Ho parlato in lungo e largo della ZTL, della follia di aprire i varchi, della inutilità dal punto di vista tecnico, trasportistico, ambientale, economico e molto altro. Ovviamente come sempre motivando e argomentando. E penso le immagini che girano in questi giorni parlino da sole. Come la mancata risposta ai miei quesiti più elementari (banalmente, dove parcheggio dentro la ZTL?)". Nelle strade e piazze del Centro sulla carta riservate ai pedoni, prese d'assalto ma non per passeggiare. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento