Nei prossimi tre anni 1 miliardo e 100 milioni per Roma: Raggi annuncia investimenti

La Sindaca a SkyTg24 risponde alla domande e parla anche della Casa della Donne: "Femminismo non è privilegi e scavalcare leggi". Sul Baobab: "Accolto 120 persone"

Virginia Raggi a Sky: foto Ansa

Investimenti per Roma, ma anche questioni delicate come la Casa delle Donne, il centro Baobab e gli attacchi della Lega che "vuole prendersi la Capitale". Virginia Raggi, a SkyTg24, ha parlato di tanti temi all'Intervista con Maria Latella. La prima notizia riguarda gli investimenti: "Stiamo approvando il bilancio preventivo e nei prossimi 3 anni avremo investimenti di oltre 1 miliardo e 100 milioni: sono soldi trovati mettendo a posto i conti, e li useremo per rifare le strade, i trasporti, curare parchi. Abbiamo fatto un lavoro certosino e abbiamo raddrizzato i conti che quando abbiamo trovato erano un po' elastici, fantasiosi".

Ha detto, sottolineando che la cosa più significativa finora fatta è "aver rimesso a posto i conti", aggiungendo che "quando mi butto in avventura, mi ci butto mani e piedi. Sono contenta di quel che faccio anche se so che è difficile: lo sapevo che non trovavo una situazione semplice e ritmi di lavoro che non sono dalle 8 alle 4 del pomeriggio, ma penso che o ci si mette l'anima o è meglio non provarci".

Quindi il tema delicato della Casa delle Donne che rischia lo sfratto. "Abbiamo lottato per avere diritti non privilegi, per me quello è femminismo: non si deve pensare che siccome siamo donne possiamo scavalcare leggi e regole. Non ho vissuto gli anni del femminismo, però quello che le donne della mia generazione sono riuscite a costruire lo dobbiamo sicuramente all'impegno, alla passione, anche alle lotte fatte prima della mia nascita o quando ero piccola. Per questo già sono grata alle donne che si sono impegnate".

"Però – ha proseguito Raggi – ricordo che abbiamo lottato per avere parità di diritti e doveri, non privilegi, e questo per me è fondamentale. La Casa delle Donne è un luogo nel quale storicamente le donne hanno fatto il loro quartiere generale, il Comune ha concesso loro un immobile molto prestigioso, sempre con sconti importanti, in linea però con tante altre associazioni che si occupano dei diritti e delle tutele delle persone fragili e svantaggiate. Tante associazioni onorano il loro debito, si chiama canone ricognitorio, faticano a pagare quel 20 per cento che chiediamo loro, ma ce la fanno. La Casa delle donne continua a non voler pagare anche quella piccola quota, che oggi ammonta a 900mila euro, ed è ulteriormente scontata, perché devono pagare il 10 per cento del canone di mercato. Le promotrici sono riuscite durante la protesta a raccogliere 80mila firme in pochissimi giorni, tante persone credono nell’attività, e io credo sia meritoria: io ho suggerito loro di chiedere un piccolissimo contributo di 10 euro a ogni sottoscrittore: avrebbero ripagato il debito, io come persona e cittadina avrei versato la mia quota. Ma sostanzialmente mi hanno riso in faccia. Vogliamo trovare una transazione, un accordo? Facciamolo. Ma loro pretendono di non pagare nulla, e per me è inaccettabile. E lo dico da donna".

Sul Baobab, appena sgomberato, invece dice: "Per gli sgomberi, stiamo lavorando col prefetto. Abbiamo un programma preciso, privilegiamo le azioni sugli immobili a rischio crollo. Del Baobab abbiamo accolto oltre 120 persone. Dobbiamo procedere via via che abbiamo la disponibilità di accogliere".

Quindi una battuta anche su Atac: "Dall'inizio di questo anno siamo riusciti a ottenere oltre 200 milioni di ricavi di biglietti, un incremento del 5 per cento sull'evasione. Abbiamo stanziato 600 milioni per nuovi autobus, fin da primi mesi dell’anno prossimo ne arrivano 227 nuovi, fino a 600 nel prossimo triennio. Inoltre stiamo facendo corsie preferenziali".

L'intervista si sposta poi su Matteo Salvini e sulla Lega: "Il ministro dopo il fatto di San Lorenzo dove è morta quella povera ragazza si è impegnato a portare 254 uomini delle forze ordine a Roma, io e i romani li stiamo aspettando. Devo dire – ha aggiunto – che saranno comunque pochi. Io per conto mio sto cercando di assumere più vigili possibili e ho chiesto a governo di arrivare al tetto di 8000: sarebbe il numero ottimo, ma c'è bisogno di uno sforzo congiunto". Poi ancora: "La Lega vuole prendersi Roma? Aspettasse almeno tre anni, c'abbiamo da lavorare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E il futuro? "Sono talmente impegnata, giorni e notte a lavorare, che in questo momento non riesco a pensare a dopo. Ci siamo dati delle regole, credo vadano rispettate", ha detto Raggi in merito al divieto dei cinque stelle di superare i due mandati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento