menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Ada, approvato il progetto per la riforestazione: lo storico parco riavrà i suoi alberi

In una delibera di Giunta lo stanziamento di 435mila euro per la riforestazione del parco di Villa Ada: saranno ripiantate le stesse specie arboree presenti. Raggi: "Tesoro collettivo inestimabile"

L’abbattimento dei pini a Villa Ada aveva mandato su tutte le furie le associazioni ambientaliste che per lo storico parco romano avevano parlato di “deserto " in avanzamento. Ma le promesse del Comune sulla piantumazione di nuove alberature al posto di quelle “a rischio” tirate giù potrebbe diventare presto realtà: la Giunta di Roma Capitale, attraverso una recente delibera, ha destinato 435 mila euro per la riforestazione del parco di Villa Ada. Un programma di intervento che riguarda tre diverse aree: Monte Antenne, la sughereta e il declivio verso il lago superiore alle pendici del colle Cavalle Madri.

Approvato il progetto di riforestazione

Il progetto rientra tra quelli approvati nel Bilancio Partecipativo 2019 di Roma Capitale. Una rosa di azioni, decise insieme ai cittadini, da realizzare su tutto il territorio comunale attraverso l’utilizzo di 20 milioni di euro. Nell’ambito di questa iniziativa, per il Municipio II, in risposta alla forte richiesta delle associazioni e dei comitati, il Campidoglio ha scelto di intervenire sugli alberi di villa Ada che, nel corso degli ultimi anni, avevano subito un processo di impoverimento. A pesare sia la vetustà delle precedenti piantagioni che gli eventi meteorologici molto intensi come, ad esempio, la nevicata del 2012.
 
“Gli alberi di Villa Ada, così come quelli delle altre ville storiche di Roma, rappresentano un tesoro collettivo inestimabile. Valorizzarli, piantare nuovi esemplari, non significa soltanto prenderci cura di un parco ma, bensì, puntare sul futuro dell’intera città. Vuol dire investire sul benessere dei nostri figli, creando spazi belli e sicuri dove farli giocare. Quello di oggi - ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi - è un ulteriore, importante, tassello del più ampio progetto di riqualificazione degli spazi verdi che stiamo portando avanti insieme a cittadini e associazioni, in tutti i Municipi della Capitale”. 

La villa ritrova i suoi alberi: pini, cipressi e ginepri

Nelle aree individuate saranno ripristinate le stesse specie arboree attualmente presenti, che sono principalmente: Pinus pinea, Quercus suber e Quercus ilex. In aggiunta, saranno messi a dimora alcuni esemplari di Cupressus sempervirens (Cipresso), Cedrus deodara, Cedrus libani, e alcuni arbusti della macchia mediterranea come Genistae (Ginestre), Arbutus unedo (Corbezzoli) e Juniperus communis (Ginepri).
 
 “Rigenerare il patrimonio arboreo della nostra città è fondamentale sia punto di vista naturalistico che da quello paesaggistico. Con questo provvedimento vogliamo valorizzare Villa Ada puntando sulle sue risorse verdi, investendo sul loro benessere. Attivando un processo di nuove piantumazioni, infatti, - ha aggiunto l’assessora alle Politiche del Verde Laura Fiorini - innalziamo i livelli di sicurezza per i tantissimi cittadini che, ogni giorno, frequentano il parco e, contemporaneamente, diamo un contributo importante al nostro ecosistema. Nel rispetto dei cicli biologici delle piante e delle specie caratteristiche della Capitale”. 

Il laghetto che attende la rinascita

Intanto il Municipio II attende anche un cenno al progetto di rinascita del laghetto. L’idea è quella di prendere in gestione gli spazi dell’ex deposito delle canoe: un capannone in legno di quasi 200 metri quadri in cui realizzare servizi per i cittadini. Armadietti per chi va a fare attività fisica nel parco, servizi igienici e un punto di somministrazione: sullo sfondo canoe sopra lo specchio d’acqua della villa storica, come accade a Villa Borghese e nei parchi delle altre capitali europee.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento