menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vignetta di Mario Improta

La vignetta di Mario Improta

La Ue come Auschwitz nel fumetto sulla Brexit: sotto accusa Marione, il vignettista della Raggi

Nel mirino delle polemiche il fumetto firmato Mario Improta, collaboratore del Campidoglio in un progetto di educazione civica avviato nelle scuole. Raggi: "Non rappresenta il mio pensiero"

L'Unione europea come l'Inghilterra, come un bambino in fuga da un campo di sterminio. È l'ultima contestatissima vignetta di Mario Improta, alias Marione, fumettista, grillino doc e grande fan della sindaca Raggi. Creatore dei disegni con la prima cittadina ritratta nei panni di una vigilessa che fa rispettare il Regolamento di polizia urbana ai cittadini, collabora (a titolo gratuito) con il Campidoglio nel progetto di educazione civica che illustra le vignette nelle scuole di Roma. Una campagna costata 50mila euro, non senza polemiche, alle casse comunali. 

Nella vignetta incriminata compare un bambino con i capelli alla Boris Jonhson, vestito da deportato, che esce da Auschwitz, con la scritta ‘Arbeit Macht Frei’ sostituita dalla dicitura Unione Europea. "Vergognosa e offensiva rappresentazione della Brexit" attaccano i consiglieri del Partito democratico. "Per farsi un po di pubblicità di bassa lega usa l'orrore dell'Olocausto. Offende milioni di vittime della follia nazi-fascista". E ancora: "Una rappresentazione satirica che colpisce per la sua crudeltà ogni democratico e tutti coloro che hanno combattuto contro le mostruosità delle dittature che hanno generato e teorizzato la Shoah. È bene sottolineare che a prezzo del carcere duro, del confino e della vita alcuni democratici come in primo luogo Altiero Spinelli hanno progettato e idealizzato nell'Europa un continente di pace che potesse risorgere uniti dalle macerie della guerra. Una nuova Europa è bene ricordarlo, che Roma ha tenuto a battesimo con i Trattati del 1951". 

Poi la richiesta diretta alla sindaca. "Prenda le distanze da questo inqualificabile personaggio, chieda scusa e ritiri la campagna e il materiale diffuso con la firma di questo ignobile suo collaboratore. Raggi apprezza ancora la satira del suo vignettista di fiducia? Ritiene ancora di doversi avvalere dell'ausilio di un personaggio del genere? È opportuno che la campagna in corso nelle scuole a firma del cosiddetto 'marione' sia ancora mantenuta? Quanto accaduto è vergognoso, offende i romani, gli italiani e gli europei". 

Tanti i commenti duri sotto il post di Facebook che mostra la vignetta. "Accostare un capo di concentramento alla brexit? Caspita ma che genio. Vedo che il chiodo fisso rimane. Penosa veramente. Trovarsi un lavoro?" scrive Sandro Z. Parole simili da Emiliano P. "questa vignetta è veramente offensiva per tutti quelli che da Auschwitz non ci sono usciti". E ancora Giovanni G.: "un paragone veramente fuori luogo". E Laura S. "fai schifo. Forse non conosci la storia (se conosci è pure peggio). Sei senza dignità e questa vignetta lo dimostra pienamente". 

La replica di Raggi

Nel primo pomeriggio il commento della sindaca Raggi sulla vicenda. "Quella vignetta non ha nulla a che vedere con l'amministrazione - si difende la prima cittadina - ma ci tengo a dire che non rappresenta il mio pensiero e contrasta con la mia sensibilità su temi che mi hanno sempre vista impegnata in prima persona. Bisogna fare molta attenzione quando si toccano tematiche come i campi di sterminio e le persecuzioni naziste". 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento