rotate-mobile
Polizia Locale / Centro Storico / Via della Consolazione

I vigili di Roma devono fare più multe: è tolleranza zero contro la sosta selvaggia

L’ordine del comandante Angeloni per impegnare sessanta pattuglie al giorno. Sindacati sul piede di guerra: “Non ci sono gli uomini”

Tolleranza zero contro la sosta selvaggia. E’ il diktat del comandante della polizia locale di Roma Capitale, Ugo Angeloni, che ad ogni gruppo territoriale ha chiesto di adoperarsi per una più ampia repressione delle soste irregolari. Stop dunque ad auto parcheggiate in doppia fila, sulle strisce pedonali, in curva, negli stalli riservati alla fermata dei bus o in quelli a disposizione delle persone disabili. I vigili di Roma devono fare le multe. L’amministrazione cassa. 

A Roma scatta la tolleranza zero contro la sosta selvaggia

Da qui l’ordine. Ognuno dei quindici gruppi municipali dovrà impiegare due pattuglie nel turno antimeridano e due nel turno pomeridiano, “le quali dovranno fare uso dei dispositivi elettronici in dotazione”. Ogni giorno a partire da oggi dunque per le strade di Roma dovranno esserci sessanta squadre pronte a sanzionare i trasgressori. In totale sessanta squadre in strada per tutta la giornata. Ma le unità, si legge nella nota del Comandante ai suoi, “non potranno essere distolte per interventi e/o rilevamento di sinistri stradali, attività che dovranno essere assicurate con differenti risorse”. Quelle che il Corpo però non ha. 

Vigili sul piede di guerra: "Siamo pochi"

La carenza di personale, tremila unità rispetto alla dotazione che dovrebbe avere la città di Roma, da tempo tiene sul piede di guerra vigili e sindacati di categoria. I circa 5800 caschi bianchi romani sono allo stremo e le attività legate al presidio del territorio, contrasto all’abusivismo, viabilità si reggono sugli straordinari. 

"Siamo alle solite”, commenta in una nota il segretario romano del Sulpl, Marco Milani. “Sebbene lodevole, l'iniziativa del Comando Generale del Corpo, rischia di dover fare i conti  con una pianta organica ormai insufficiente alla molteplicitá dei compiti richiesti. Sgomberi, campi nomadi, lotta all'abusivismo commerciale, sosta selvaggia e a partire dal prossimo giugno, gli inevitabili  disagi alla circolazione stradale per la prevista apertura dei cantieri per il Giubileo. Roma - incalza il portavoce del sindacato unitario lavoratori polizia locale a Roma - ha bisogno di un coraggioso piano assunzionale e non certo di un concorso toppa, insufficiente a rammendare persino i recenti pensionamenti”. 

Il riferimento è a quanto annunciato dal Campidoglio: un prossimo bando per assumere 800 vigili, forse 1000. Un numero che non basterà a coprire i circa 500 pensionamenti l’anno che si contano nel Corpo. Gruppi “allo stremo”, consapevoli che i nuovi vigili per Roma non arriveranno prima del 2024. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vigili di Roma devono fare più multe: è tolleranza zero contro la sosta selvaggia

RomaToday è in caricamento