Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Vigili assenti a Capodanno, aperta indagine interna. Marino: "Non hanno guastato la festa"

Il vice sindaco Nieri: "In tempi rapidi si avranno dei risultati, in base a questi si decidera' se interessare la magistratura"

Un poliziotto dirige il traffico durante lo sciopero dei vigili

L'ultima arma usata dai vigili nella guerra al loro comandante Raffaele Clemente rischia di trasformarsi in un boomerang. La valanga di certificati e le assenze annesse, potrebbero costare caro agli agenti coinvolti. Ci sarà infatti un'indagine interna da parte del Campidoglio. Ad annunciarlo è il vice sindaco Luigi Nieri: "E' stata avviata un'indagine interna per verificare la situazione delle 835 assenze a Capodanno" tra i vigili urbani di Roma. "In tempi rapidi si avranno dei risultati, in base a questi si decidera' se interessare la magistratura".

L'indagine è stata affidata dal comandante Clemente al suo vice Raffaella Modafferi. L'indagine va chiusa "nel più breve tempo possibile, volta all’acquisizione di ogni utile elemento per quanto riguarda la vicenda delle assenze dal servizio degli agenti della Polizia locale di Roma Capitale nella notte tra il 31 dicembre 2014 e il 1 gennaio 2015. La verifica dovrà quindi accertare, avvalendosi se necessario anche del supporto dei dirigenti delle UU.OO di Gruppo, le reali dinamiche delle assenze e le posizioni soggettive di ogni singolo dipendente, attraverso tutta la documentazione possibile e necessaria. L’indagine ha un duplice obiettivo, portare alla luce la verità e metterla a conoscenza delle autorità interessate: quella giudiziaria (nel caso si ravvisassero reati penali), quella amministrativa (per uso e valutazioni interne) e, infine, quella di garanzia (Garante degli scioperi)".

Dal comando di via della Consolazione, dopo il comunicato di ieri diramato ieri dal Campidoglio, tutto tace. Clemente non commenta ulteriormente quanto sta accadendo. Oggi, secondo quanto si è appreso, avrebbe avuto un colloquio in procura con il pubblico ministero Maria Monteleone.

Parla invece attraverso la propria facebook, il sindaco Marino che spiega: "Non sono riusciti a guastare la festa della città. In 600mila abbiamo passato il capodanno in piazza. Ma chi ha provato con assenze ingiustificate e ingiustificabili a far saltare tutto ne deve rendere conto. Stiamo facendo tutte le verifiche per accertare le responsabilità. Ringrazio il Premier Matteo Renzi e il Ministro Marianna Madia per il sostegno che stanno dando alla nostra iniziativa. Chi ha finto di essere malato, chi ha inventato scuse ne dovrà rendere atto nei modi previsti dalla legge e assumersi le propria responsabilità. A chi ha lavorato e lavora per la città vogliamo ribadire la nostra gratitudine e quella dei romani".

L'esecutivo ha parlato attraverso lo stesso premier Matteo Renzi che su Twitter ha scritto: "Leggo di 83 vigili su 100 a Roma che non lavorano 'per malattia' il 31 dicembre. Ecco perchè nel 2015 cambiamo le regole nel pubblico impiego". Quindi l'intervento del ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, anche lei su Twitter, per annunciare "Ispettorato ministero Funzione Pubblica subito attivato per accertamenti violazioni e sollecito azioni disciplinari". Successivamente Madia ha aggiunto: "Avanti con riforma P.A. per premiare eccellenze che ci sono e punire gli irresponsabili".

I COMMENTI DI TUTTI I SINDACATI

CLEMENTE E I VIGILI, ECCO TUTTO CIO' CHE LI DIVIDE

TRA IL COMANDANTE E I VIGILI E' GUERRA: RISCHIO CAOS IL 6 GENNAIO E PER IL DERBY

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili assenti a Capodanno, aperta indagine interna. Marino: "Non hanno guastato la festa"

RomaToday è in caricamento