menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il buio profondo dei lavoratori Secur: da sei mesi costretti a lavorare senza stipendio

Nessun compenso da agosto ad oggi, è crisi per i vigilantes ex Sipro: "Blocco dei servizi renderebbe azienda scatola vuota". La società promette piano di rientro in 15 giorni

Restano senza stipendio i lavoratori del gruppo Secur, azienda di vigilanza privata attiva su tutto il territorio nazionale. A Roma e dintorni sono 350 circa i vigilantes che da sei mesi non percepiscono il compenso dovuto. 

I 350 lavoratori Secur senza stipendio

Un vero e proprio calvario con le famiglie dei dipendenti esasperate dal prolungato periodo di crisi e precarietà. Da agosto niente stipendio, a dicembre niente tredicesima: così la battaglia dei vigilantes ex Sipro, che commissariata è stata rilevata dalla Secur, si fa più dura. 

Dopo una moltitudine di incontri, ieri il sit in dei vigilantes sotto alla Prefettura per mettere in evidenza "una situazione drammatica" - hanno detto i lavoratori in protesta. 

"Ci stiamo muovendo su tre fronti: uno politico con il Ministero responsabile dell'affidamento Secur, uno tecnico per le inadempienze operative e uno legale per il recupero delle retribuzioni. Alla Prefettura, interessata per ciò che attiene il rispetto delle norme abbiamo segnalato le molteplici anomalie legate al mancato adeguamento agli obblighi derivanti dall'applicazione del d.m. 269/10 che regola il settore della vigilanza privata" - ha scritto la Cisl Fisascat di Roma e Rieti.

La crisi dei lavoratori Secur: "Sei mesi senza stipendio"

Della crisi della Secur si è parlato anche nella Commissione Lavoro in Regione Lazio che ha aperto al confronto con Prefettura e Ministero dello Sviluppo Economico. 

"La società ha chiesto di aggiornare il tavolo tra 15 giorni, il tempo in cui si è impegnata a fornire un piano di rientro. Chiaramente - ha detto a RomaToday Paolo Le Foche, segretario territoriale della Fisascat-Cisl di Roma - non possiamo credere all'ennesima promessa, le spettanze dovute ormai ammontano a sei mensilità per lavoratore. Troppo per pensare che possano essere versate a ciascuno nel giro di poco tempo". 

Vigilantes Secur: costretti a lavorare senza stipendio

Eppure i vigilantes continuano a svolgere la propria attività. "Tra i lavoratori c'è grande senso di responsabilità, oltre che timore per il futuro. Sanno bene - dice il sindacalista - che il blocco dei servizi comporterebbe la perdita degli stessi da parte dell'azienda che, così ridotta, rimarrebbe una scatola vuota. Un danno enorme che ricadrebbe sempre sui dipendenti". Quelli già stremati da sei mesi di mancato stipendio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento