Politica San Giovanni / Piazza di Porta Metronia

Ex vigilantes occupano per protesta l'assessorato all'Ambiente: "Rispettare gli accordi"

Nonostante accordi e promesse, le ex guardie giurate dell'Ancr sono ancora senza lavoro: "Dovevamo essere assunti dall'Ama nel gennaio 2014"

Un'immagine della protesta del settembre 2013 sull'Arco di Costantino

Gli era stata promessa una soluzione. Eppure, a distanza di tempo, gli ex dipendenti dell'ente morale Ancr (Associazione nazionale combattenti e reduci) che si fecero conoscere da tutta la città con il nome di gladiatori in quanto quattro anni fa salirono per protesta sul Colosseo, sono ancora senza lavoro. Così dalle 11 di questa mattina le ex guardie giurate hanno occupato per protesta l'assessorato all'Ambiente del Comune nel piazzale di Porta Metronia per chiedere un incontro con l'assessore competente Estella Marino. In tutto 140 lavoratori si sono dati il turno per protestare dentro alla sede istituzionale. “Dopo anni di false promesse chiedono che la giunta Marino mantenga gli impegni presi” spiega Guido Lutrario dell'Unione sindacale di base.

“Il sindaco Alemanno aveva firmato un protocollo d'intesa che assicurava che l'amministrazione avrebbe garantito il loro assorbimento nelle aziende capitoline” continua il sindacalista. “Quel protocollo d'Intesa non venne rispettato. Dopo le proteste sull'Arco di Costantino dello scorso settembre, l'amministrazione Marino aveva prospettato il riassorbimento nell'Ama dal momento che con l'avvio della raccolta differenziata c'è bisogno di nuovo personale” spiega Lutrario. “La situazione si doveva sbloccare nel gennaio del 2014. Il mese è quasi finito e queste famiglie, senza nemmeno più il sostegno degli ammortizzatori sociali, non ce la fanno più ad andare avanti senza stipendio”. La richiesta all'amministrazione dunque: “Stabilire tempi certi per il riassorbimento di questi lavoratori”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex vigilantes occupano per protesta l'assessorato all'Ambiente: "Rispettare gli accordi"

RomaToday è in caricamento