Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Valle Galeria, migliaia in piazza contro “Malagrotta 2”. Protagonisti i bambini: “Vogliamo aria pulita”

Sono almeno tremila le persone che hanno partecipato alla manifestazione contro la discarica a Monte Carnevale. Tra loro moltissimi bambini della Valle Galeria

 

“Uniti si vince, la Valle non si tocca”. Lo urlano a gran voce i bambini. Tra le dita delle loro manine i cartelli che loro stessi hanno preparato in occasione della mobilitazione organizzata nella mattinata di oggi, sabato 11 gennaio, contro la costruzione della nuova discarica di Roma a Monte Carnevale. Nella già martoriata Valle Galeria e a poche centinaia di metri da Malagrotta. L’invaso “più grande d’Europa” che ancora oggi, a distanza di anni dalla sua chiusura, mostra tutta sua immensità.

Sono migliaia i cittadini che hanno deciso di radunasi al parcheggio tra via della Pisana e Ponte Galeria, teatro di tantissime manifestazioni quando alla guida del comitato di quartiere c’era Sergio Apollonio. Il suo nome viene ricordato spesso, infatti. E non a caso, perché una vita spesa per il diritto alla salute della Valle Galeria non è stata, a quanto pare, sufficiente. I protagonisti sono appunto i bambini. Il futuro di questo enorme quadrante a sud ovest della Capitale, che non ha potuto festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo, vista la scelta della sindaca Virginia Raggi e della sua giunta di fare qui il nuovo invaso di Roma.

Viaggio nel territorio della cava di Monte Carnevele

In piazza molti esponenti politici di Comune e Regione, senza bandiere di partito come richiesto dagli organizzatori. Tra loro anche molti grillini, tra cui Daniele Diaco, Monica Lozzi, la presidente del XII municipio Silvia Crescimanno e il deputato Stefano Vignaioli che nella Valle Galeria ci vive da anni.

Intorno alle 12 il presidio si trasforma in corteo. In testa un trattore con affisso il cartello “Gli agricoltori della Valle Galeria dicono no alla seconda Malagrotta”, a seguire un carro funebre con una bara, portata a spalla da alcuni cittadini, con su i nome “Monte Carnevale” e “Valle Galeria”. Dietro, un fiume di persone lungo tutta via di Ponte Malnome, intonando slogan e portando in alto alti gli striscioni. “Quello che serve qui è un risanamento ambientale vero, non una nuova discarica - dice Emanuela D’Antoni del comitato Valle Galeria Libera -, ed è quello che tutte queste persone oggi stanno chiedendo a gran voce. Noi non ci arrenderemo”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento