Lunedì, 20 Settembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Spelacchio, la seconda vita parte dalla Val di Fiemme: "A giugno torna a Roma"

Spelacchio è tornato a casa. Nella segheria della Magnifica comunità di Fiemme, in Trentino, è iniziata la lavorazione del tronco dell’albero di Natale di Roma che, da piazza Venezia, è stato poi raccontato e deriso da tutto il mondo

La “favola di Spelacchio”, non si è quindi conclusa con lo smantellamento dopo le feste natalizie: “Abbiamo chiesto al Comune di Roma di poterlo riportare qui in Trentino per trasformarlo in una ‘Baby Little Home’  - racconta Stefano Cattoi, amministratore unico della segheria della Magnifica comunità di Fiemme -, questo perché il legno può avere più vite, e come omaggio a questo Abete Rosso a cui noi dobbiamo davvero molto”.

E se con il suo arrivo nella Capitale, il nome Spelacchio gli fu attribuito come sfottò per i suoi rami ritenuti appunti un po’ “spelacchiati”, oggi in tutto il territorio della Magnifica, questo nome indica una storia di orgoglio per un’intera comunità e filiera del legno che da secoli fa della propria foresta una virtù economica e ambientale. Spelacchio infatti arriva da un bosco certificato Pefc, gestito quindi secondo il principio di sostenibilità ambientale e di rispetto per l’ecosistema in cui sorge. “Spelacchio aveva circa un secolo di vita, è sopravvissuto ad una frana della Val Cadino - spiega Antonio Brunori, segretario generale di Pefc Italia, davanti alla ceppaia di Spelacchio, nel punto in cui fu reciso -. Al suo posto sorgeranno altri dieci Abeti Rossi, seguendo il ciclo naturale della vita”.

A giugno è previsto il suo ritorno nella Capitale sotto forma di Baby Little Home, prima ad essere allestita fuori dal territorio trentino. Una casetta di legno a sostegno delle mamme, dove potranno trovare un luogo sicuro in cui cambiare e allattare i propri bambini: “Fa parte di un progetto più ampio di sostegno alle famiglie che la provincia autonoma di Trento porta avanti da diverso tempo - continua Cattoi - ci è sembrato il modo migliore per celebrare Spelacchio”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Spelacchio, la seconda vita parte dalla Val di Fiemme: "A giugno torna a Roma"

RomaToday è in caricamento