Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Vivere nel feudo dei Casamonica: Romanina tra omertà e voglia di normalità

Il nostro giro per le strade del quartiere Romanina. I residenti sono stanchi dell'attenzione mediatica dopo l'aggressione dei Casamonica al Roxy bar? Cosa significa convivere a stretto contatto con una tra le famiglie più potenti della Capitale?

 

C'è chi prima ostenta indifferenza e poi si spazientisce liquidandoci senza risposte. Chi si gira di scatto e si allontana appena vede avanzare la telecamera, chi non ne può più di veder spuntare cronisti a ogni angolo, chi invece guarda all'attenzione mediatica come una manna dal cielo. O addirittura qualcuno che ammette con aria serafica: "Grazie a loro siamo protetti". Un mese e mezzo dopo la furia violenta dentro il Roxy bar, per mano di esponenti dei Casamonica e Di Silvio,alla Romanina parlano i residenti. 

Sullo sfondo i riflettori sono ancora accesi. Fuori dal locale dove una donna disabile è stata presa a cinghiate c'è un sit in, organizzato dalla rete No Bavaglio e Articolo 21, per dire stop al silenzio sui fatti di mafia, e "basta" ai quartieri dove il vuoto lasciato dallo Stato viene colmato da dinamiche criminali malavitose. Politici, cronisti impegnati nella difesa della libertà di stampa, associazioni, comitati di quartieri presenziano e rilasciano interviste. 

Poi, ai nostri microfoni, per le strade del quartiere, tra le ville delle famiglie di origine sinti dove le telecamere sono bandite, la parola passa agli abitanti. Quanto è vero che a Romanina comandano i Casamonica, come hanno vissuto la presenza fissa della stampa nelle ultime settimane, cosa percepiscono della presenza della famiglia nel quotidiano. Ecco le loro testimonianze. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento