Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Caso Polverini – Zaccheo: la Polverini minimizza, ma a Latina è bufera

La neo governatrice, interpellata da Striscia, dice: "Io non raccomando nessuno". A Latina però si dimettono i consiglieri del Pdl. Roberto Fiore sarcastico: "Raccomandi le mie sette figlie"

Nel giorno dell'insediamento ufficiale, Renata Polverini si trova a che fare con il caso Striscia la Notizia. Il tg satirico, mostrando ieri sera il video di un fuorionda con il sindaco di Latina Vincenzo Zaccheo, ha messo in imbarazzo il neo presidente della Regione. Oggi una troupe di Striscia ha raggiunto la Polverini che ha risposto alle domande dell'inviato, minimizzando lo scambio di battute con Zaccheo. A Latina però quel video è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: infatti i consiglieri Pdl hanno oggi formalizzato le dimissioni, mettendo di fatto in crisi la stessa giunta Zaccheo.

POLVERINI MINIMIZZA - Le frasi più controverse sono due: "Ricordati delle mie figlie" e "Non appaltare a Fazzone". La neo governatrice si difende: "Lei tranquillizzi i cittadini, io non raccomando nessuno. Sono due ragazze che studiano ed escludo che fosse una raccomandazione. Tante persone mi chiedono di poter rappresentare bene la componente femminile della politica, perché tante ragazze mi osservano. Forse voleva dire questo. E poi lei - ha chiesto Polverini all'inviato di Striscia la notizia - avrebbe raccomandato una persona quella sera in mezzo a tutte quelle persone? Mi sembra abbastanza complicato".

Liquida invece come problema locale, l'uscita su Fazzone: "I giornali li leggo anche io, qualche problema a livello politico locale c'é del quale però io non mi interesso, anche perché è una questione che riguarda un partito. E' un problema loro".

IL SINDACO ALEMANNO - Il primo cittadino commenta senza aver visto il video: "Non ho visto il filmato di Striscia la notizia ma credo che si sia trattato solo di quattro chiacchiere in libertà da parte del sindaco di Latina, Vincenzo Zaccheo".


ROBERTO FIORE - Usa il sarcasmo invece Roberto Fiore: "Zaccheo ha solo due figlie femmine, io ne ho sette, e di questi tempi una raccomandazione serve a tutti. Chiamerò sicuramente Renata Polverini per vedere se si ricorda anche delle mie. Infatti la mia assenza sulla scheda elettorale qualche voto deve averglielo portato di certo", prosegue Fiore. "Per quanto riguarda gli appalti, non sapevo che in Italia fosse previsto che il Presidente della Regione e la sua fidata cricca siano predisposti a decidere cosa come ed a chi appaltare i pubblici servizi. Le leggi parlano diversamente, ma si sa che le Leggi non valgono per tutti:in uno stato degno di tal nome, dopo simili affermazioni, la Polverini dovrebbe dimettersi immediatamente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Polverini – Zaccheo: la Polverini minimizza, ma a Latina è bufera

RomaToday è in caricamento