menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venchi revoca i trasferimenti al nord, vincono le lavoratrici: resteranno negli store di Roma

L'azienda marchio storico del cioccolato italiano ha ritirato i trasferimenti delle 11 lavoratrici del punto vendita chiuso al T1 dell'aeroporto di Fiumicino. Usb: "Restituita dignità, erano licenziamenti mascherati"

Dopo la chiusura dello store del Terminal 1, Venchi ha revocato i trasferimenti del personale dal punto vendita dell’aeroporto di Fiumicino a diverse città del nord Italia. Vincono le lavoratrici che per settimane si sono battute contro la decisione dell’azienda, marchio storico (dal 1878) del cioccolato Italiano.

Venchi revoca i trasferimenti delle lavoratrici al nord

“Licenziamenti mascherati da trasferimenti” - avevano sostenuto le undici dipendenti che avrebbero dovuto scegliere tra le dimissioni per restare in città accanto alle proprie famiglie o le valigie verso Torino, Vicenza, Parma, Venezia o Siena. Dopo le proteste davanti allo store di Venchi, una petizione online sostenuta da oltre 18mila persone e l’incontro in Regione Lazio, l’azienda è tornata sui propri passi: le lavoratrici saranno ricollocate negli altri store presenti nella Capitale. 

All'aeroporto chiude Venchi, lavoratori trasferiti al nord: "E' licenziamento mascherato" 

Il sindacato: "Vittoria che restituisce dignità"

“Un trasferimento che aveva tutto il sapore di una punizione, perché guarda caso andava a colpire le dipendenti con maggiore anzianità, madri di figli minori, peraltro le uniche sindacalizzate, oltre che dipendenti part-time con relativi miseri stipendi. Una palese ingiustizia che ha provocato rabbia e proteste, coinvolgendo lavoratori di tutte le categorie, oltre che i movimenti femministi, e che ha attraversato il Paese, con iniziative in tutte le città in cui Venchi è presente, approdando persino in Parlamento” - ha commentato l’Unione Sindacale di Base. La revoca dei trasferimenti per il sindacato che ha seguito la vertenza è “una vittoria piena che restituisce dignità alle lavoratrici e alle loro famiglie e alla lotta sindacale”.

Trasferimenti al nord ritirati: le lavoratrici di Venchi restano a Roma

“Con il ritiro della procedura di trasferimento al nord Italia sono stati fatti salvi i posti di lavoro. Ha vinto il senso di responsabilità, linea guida che deve essere percorsa in questo momento di difficoltà per il Paese. Ringraziamo l'azienda, l'organizzazione sindacale e il comune di Fiumicino per la collaborazione e auguriamo alle lavoratrici e ai lavoratori un buon lavoro" - ha detto l’assessore al Lavoro della Regione Lazio, Claudio Di Berardino

A fargli eco l’assessora al Lavoro di Fiumicino, Anna Maria Anselmi: “È il risultato del tavolo di lavoro organizzato dal Comune di Fiumicino con l’azienda, la Regione Lazio e i sindacati per affrontare la questione e proporre una soluzione che andasse incontro alle esigenze delle lavoratrici coinvolte e delle loro famiglie. In questo modo, non solo sono salvi tutti i posti di lavoro, ma  queste persone potranno trascorrere in serenità le prossime festività natalizie”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento