Politica

Unindustria all'attacco: "A Roma manca la visione. Il vento del cambiamento? Non si percepisce"

Duro affondo del presidente Filippo Tortoriello. La replica della sindaca Raggi: "Attacco un po' bizzarro"

Unindustria all'attacco della gestione di Roma. Un attacco frontale, durante il discorso di apertura dell'assemblea generale di Unindustria all'Auditorium della Tecnica; un contesto non casuale che amplifica la portata dell'affondo. "Vorremmo trovare in chi governa", esordisce ha esordito il presidente Filippo Tortoriello, "quell'alto senso di responsabilità che impone la guida di una grande Capitale. Un credito di fiducia elettorale importante non può essere impegnato solo in operazioni di piccolo cabotaggio amministrativo". 

Critica al Movimento Cinque Stelle

Che le parole mirino a colpire il Movimento Cinque stelle si capisce quando Tortoriello evoca il vento del cambiamento: "Quel vento che doveva cambiare Roma non si percepisce. Unindustria ha sempre dimostrato grande rispetto per la politica, abbiamo riconosciuto alla Sindaca la difficoltà della situazione in cui iniziava il suo mandato e ci siamo imposti un esercizio di riflessione molto paziente. Quest'attesa sembra essere vana e lo status quo ci preoccupa, non perchè vogliamo contestare i singoli atti amministrativi o le mancate soluzioni a problemi atavici come decoro, rifiuti e trasporti. Ci preoccupa non aver ancora ascoltato un'idea chiara su come Roma dovrebbe diventare nei prossimi 20 o 30 anni. Manca la visione". 

L'affondo sui rifiuti

Tortoriello punta il dito contro la gestione dei rifiuti, esemplificativa della mancata visione: "Non possiamo parlare seriamente di economia circolare e di materiali post-consumo se la nostra è l'unica Capitale europea insieme ad Atene a non smaltire i suoi rifiuti autonomamente- ha aggiunto Tortoriello- A Copenaghen, una delle città più attente all'ambiente e alla qualità della vita, hanno realizzato il termovalorizzatore più efficiente del mondo in una collina artificiale attrezzata con piste da sci, campi di calcio, ristoranti e pareti da arrampicata". 

Raggi replica

A stretto giro replica la sindaca Virginia Raggi: "È un attacco un po' bizzarro, perchè direi che con alcuni di loro lavoriamo bene da tempo e mi pare che stiamo sviluppando anche progetti insieme, da ultimo penso alla Maker Faire lo scorso fine settimana. L'innovazione, in generale, è un tema su cui stiamo lavorando molto, e noi per primi con le due manovre che abbiamo chiamato 'Sblocca cantieri' abbiamo rimesso in circolazione prima 127 milioni e poi altri 37 per investimenti". 

"Ecco cosa stiamo facendo"

"Ricordo l'arrivo di Aruba con il suo hub nella zona del Polo Tecnologico che assumerà circa 200 dipendenti per iniziare e circa 300 milioni di investimento- ha proseguito Raggi- C'è poi l'operazione stadio, che stiamo monitorando e seguendo e che porterà 800 milioni di investimenti privati sulla città. Insomma, i numeri di Atac stanno parlando, come quelli di Acea". Inoltre, ha concluso la sindaca, "oggi è stata varata dal Governo una manovra che da un lato restituisce alla famiglie potere d'acquisto e dall'altro va ad incentivare le Pmi, che costituiscono in tessuto produttivo del nostro Paese. Mi sembra che molte cose si stiano muovendo". 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unindustria all'attacco: "A Roma manca la visione. Il vento del cambiamento? Non si percepisce"

RomaToday è in caricamento