Domenica, 26 Settembre 2021
Politica

Marroni si candida alle primarie: “Rimettere al centro il cittadino e le sue esigenze”

Il capogruppo Pd al Campidoglio Umberto Marroni ha ufficializzato la sua candidatura alle elezioni primarie del centrosinistra

Umberto Marroni, capogruppo del Pd in Campidoglio, ha annunciato la sua candidatura alle elezioni primarie del centrosinistra in vista delle prossime elezioni comunali.
L'annuncio: “Ho deciso di candidarmi alle primarie del centrosinistra per il sindaco di Roma per spirito di servizio verso Roma, la mia città".

Dopo l'annuncio della sua candidatura, Marroni ha parlato delle primarie descrivendole come un momento aggregante per il partito: "Saranno primarie che dovranno costruire e non dividere così come il comune dovrà essere capace di unire le persone se si vuole uscire dalla crisi. Mi candido per il percorso fatto in questi anni. Non credo alle candidature calate dall'alto che non sanno come funziona la macchina amministrativa".

Marroni parla anche delle possobili forze e alleanze che vorrebbe vedere al suo fianco: “E' ora di voltare pagina e riusciremo a farlo coinvolgendo le forze sociali perché la politica, da sola, non ce la fa. Dobbiamo fare un'ampia alleanza fra la politica e le forze sociali (associazionismo, volontariato e istituzioni). La prossima consiliatura dovrà essere costituente".

Per Marroni, Alemanno ha fallito perché non ha avuto "idea di come sviluppare la città, perché non ha dato nessuna risposta alla crisi, come testimonia il bilancio approvato così in ritardo e perché infine non ha fatto nulla per attenuare i problemi nazionali. Ecco allora il mio grido di dolore, anche in considerazione del fatto che il sindaco ha intorno a se persone inadeguate o macchiate da scandali".

Il candidato alle primarie del centrosinistra, ha tracciato quindi la sua idea di Roma: "bisogna rimettere al centro il cittadino e le sue esigenze; costruire una nuova stagione di politiche pubbliche (casa, scuola, formazione, trasporti); e bisogna ridare prestigio a Roma. Può funzionare se si scelgono persone adeguate e competenti, non quelle più fedeli al partito. E' finita la stagione del sindaco superuomo che dice cosa andrà a fare cinque anni dopo. Servono persone preparate e una classe rinnovata".

In sala erano presenti Lorenzo Tagliavanti della Cna, Claudio Di Berardino della Cgil, Eugenio Batelli dell'Acer, Antonio D'Onofrio di Federlazio, Pierangelo Mancini della Cisl, Pierpaolo Bombardieri della Uil, Stefano Venditti di Lega Coop. Presente anche il padre di Umberto Marroni, Angiolo, garante dei detenuti del Lazio, che Umberto ha salutato, visibilmente commosso, mentre ricordava anche la madre, l'ex deputata del Pci Leda Colombini, da poco scomparsa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marroni si candida alle primarie: “Rimettere al centro il cittadino e le sue esigenze”

RomaToday è in caricamento