Lazio Uiltrasporti Settore Taxi: "Viabilità, emergenza di sicurezza a l'Est di Roma"

Via Collatina: "Dopo un sopralluogo sul posto ci siamo resi conto dell'effettiva indecenza del manto stradale"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

«Continuano ad arrivarci molte segnalazioni dai nostri associati in merito alle pessime condizioni della Via collatina nel tratto che va da La Rustica a Lunghezza in VI municipio». È quanto dichiara, in una nota, Alessandro Atzeni coordinatore regionale Lazio Uiltrasporti settore taxi. «Dopo un sopralluogo sul posto ci siamo resi conto dell'effettiva indecenza del manto stradale, che farebbe pensare di rinominare la strada in ' Via delle Crocì. Infatti, oltre alla mancanza di illuminazione, delle cunette e della segnaletica orizzontale, - continua la nota - la prime cose che si notano sono le lapidi presenti nel bordo strada in ricordo delle giovani vite spezzate. Per non parlare poi delle buche che sono diventate dei veri e propri crateri a causa dei quali, inevitabilmente, molti automobilisti ci rimettono pneumatici, cerchioni ed ammortizzatori. È mai possibile che per due delle principali buche, presenti da inizio dicembre scorso, l'unico intervento fatto è stato quello di transennare e dimenticare lo scempio senza un intervento almeno provvisorio? Oppure, è possibile che per evitare una strada che assomiglia sempre più ad una mulattiera i residenti di Ponte di Nona, Lunghezza e di tutto il quadrante Est della città sono costretti a dover subire l'abuso del pedaggio del tratto urbano dell'A24? Occorre un immediato intervento di messa in sicurezza per cercare di dare un senso di civiltà a questa zona periferica di Roma dimenticata da tutti e per evitare - conclude Atzeni - che gli automobilisti continuino a rischiare di subire danni economici e nella peggiore delle ipotesi anche a rimetterci la vita, a causa dell'ignavia e incompetenza amministrativa».

Torna su
RomaToday è in caricamento