Udicon: in campagna elettorale invece di parlare di favole diamo una risposta ai cassaintegrati

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

L'INPS ha trasmesso dati allarmanti, a Gennaio 88,9 milioni di ore autorizzate

Ore, giorni, mesi, addirittura anni in attesa di una chiamata per tornare a lavoro: in campagna elettorale sentiamo promesse legate ai massimi sistemi, patti e contropatti ma dovremmo ricordare che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro e che purtroppo tantissimi dipendenti di molte aziende sono entrati nel vortice nero da cui ancora non si riesce a venire a capo, relegando i lavoratori a casa con grande preoccupazione di intere famiglie.

I numeri allarmanti delle ultime ore, trasmessi dall'Inps, offrono lo spunto per una riflessione più profonda su una situazione che non accenna a migliorare neanche con l'inizio del nuovo anno. Si è infatti verificato un incremento delle ore autorizzate a dicembre 2012 passate da 86,5 milioni a 88,9 milioni a gennaio, così come le ore che riguardano la cassa integrazione straordinaria, addirittura raddoppiate rispetto allo scorso gennaio, passando da 21,4 milioni a 42,2 milioni di ore.

"Si continua ad affrontare l'argomento solo da un punto di vista numerico, - afferma il Presidente Nazionale dell'U.Di.Con., Denis Nesci - tralasciando un aspetto che reputo molto più importante: prima di essere considerati solo per il peso che hanno per la comunità i lavoratori in cassa integrazione sono dei giovani lavoratori, dei padri di famiglia e anche dei nonni che hanno avuto solo la sfortuna di pagare lo scotto più pesante della crisi in Italia. Il Governo - prosegue il Presidente - si dovrebbe impegnare per restituire dignità a queste persone, che sono considerate soltanto un peso per il Paese e che continuano ad aspettare una chiamata per poter finalmente ritornare al loro posto, ma per far questo è necessario dare delle risposte, un compito che spetta ad un Paese unito e reattivo".

Il settore automobilistico e quello industriale continuano purtroppo il loro lento declino e serviranno misure coraggiose e tempestive per ridare di nuovo forza ai dipendenti che continuano a sperare in un futuro lavorativo migliore.

"In tal senso sono convinto che, senza alcuna distinzione, ogni cassaintegrato sogni di tornare a lavorare per riappropriarsi della propria dignità, anche svolgendo mansioni non propriamente afferenti alla propria specializzazione;- conclude il Presidente Nesci - pertanto credo sia indispensabile ideare progetti mirati riservati unicamente a questa categoria, come ad esempio lavori socialmente utili da svolgere presso il proprio Comune, Provincia, o comunque all'interno di un'amministrazione statale. Tutto ciò avrebbe il vantaggio non solo di rendere il periodo di attesa meno pesante per i cassaintegrati, ma anche di investire i soldi statali in lavori utili per le amministrazioni, utilizzando forza lavoro a costo zero".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento