Politica

Bollo auto, Difesa consumatori: "Chiediamo il rimborso"

L'Unione per la difesa dei consumatori afferma che in merito al apgamento del bollo auto, "dall'inizio dell'anno i residenti nel Lazio, hanno dovuto pagare il 10% in più"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Milioni di laziali avranno già fatto i conti con l'aumento che, da gennaio 2012, ha interessato il settore automobilistico, in particolare il pagamento del bollo auto obbligatorio per tutti coloro i quali sono proprietari di un auto. Dall'inizio dell'anno infatti, i residenti nel Lazio, hanno dovuto pagare il 10% in più, a fronte dei provvedimenti regionali approvati alla fine del 2011 che avevano introdotto un aumento di 2,6 centesimi anche sul prezzo della benzina.

La palese incostituzionalità della finanziaria regionale viola però quanto previsto dall'art.177 comma 3 e 119 della Costituzione, ma anche le disposizioni contenute nei decreti legge del 2008 e del 2010 in materia di poteri attribuiti alle Regioni che, fino all'attuazione del federalismo fiscale, non possono deliberare aumenti dei tributi, delle addizionali, delle aliquote ovvero delle maggiorazioni di aliquote di tributi ad essi attribuiti con legge dello Stato.

"Ci sembra doveroso informare e tutelare i cittadini che hanno pagato più di quanto dovevano - afferma il presidente nazionale dell'Udicon, Denis Nesci - coloro i quali hanno effettuato il pagamento tra il 1 gennaio e il 24 febbraio 2012 potranno far valere il loro diritto al rimborso di quanto ingiustamente versato, secondo quanto previsto dalla legge del 6 Agosto 2008, n.133 ".

L'Unione per la difesa dei consumatori, che da anni opera per la tutela dei consumatori e degli utenti, ha presentato un esposto alle Autorità competenti e ha invitato i cittadini a compilare un apposito modulo predisposto dall'associazione per richiedere il rimborso degli importi indebitamenti corrisposti e, nel caso in cui non ci sia un riscontro da parte della Regione, si valuterà la possibilità di rivolgersi alle competenti sedi giurisdizionali.

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollo auto, Difesa consumatori: "Chiediamo il rimborso"

RomaToday è in caricamento