rotate-mobile
Politica Esquilino / Via Marsala

Il sottopasso Turbigo cambia aspetto: completati i lavori "anti clochard"

Completati a tempo di record i lavori nell'infrastruttura. Segnalini: "Ora è più sicura per tutti"

Sono stati rimossi i graffiti e la sporcizia causata dallo smog. Ma soprattutto sono stati chiusi, nel rispetto dell’impianto originario, i pilastri all’interno dei quali stazionavano persone senza dimora.  La riqualificazione del sottopasso ferroviario che collega via Marsala con via Giolitti è completata. Un’operazione anche contestata da quanti, hanno visto nelle intenzioni dell’amministrazione, la volontà di spostare semplicemente “un problema”: quello delle decine di clochard che dormivano nel tunnel.

I lavori eseguiti da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) e dal Dipartimento Csimu, hanno previsto un investimento complessivo di 250mila euro, di cui 50mila provenienti da Roma Capitale e il restante da RFI. Il cantiere ha interessato le due carreggiate, nell’intero tratto che si sviluppa su una distanza di 210 metri. La ristrutturazione, ha reso noto il Campidoglio, si è resa necessaria per garantire la sicurezza dei senzatetto, degli automobilisti e dei pedoni che percorrono l’infrastruttura.

Un lavoro per la sicurezza di tutti

“Questo intervento – ha dichiarato l’assessore ai Lavori pubblici e Infrastrutture di Roma Capitale Ornella Segnalini – era necessario e non procrastinabile, ce lo chiedevano i cittadini e le Istituzioni. Il progetto ha rimesso in sesto un tratto di strada fondamentale in una zona densamente popolata e trafficata, con una riqualificazione complessiva per la sicurezza di tutti, in particolare delle persone senza fissa dimora. Ringrazio RFI e il Csimu per la velocità con cui sono stati eseguiti i lavori, e Daniela Porro Soprintendente Speciale per Roma per la collaborazione fornita, trattandosi di un’opera soggetta a vincolo storico-artistico”.

“I lavori rappresentano un primo tassello degli interventi di riqualificazione che interessano l’area della stazione – ha dichiarato l’AD di RFI, Vera Fiorani – Insieme al Comune, in 38 giorni, abbiamo riconsegnato ai cittadini un sottopasso completamente rinnovato e con illuminazione potenziata grazie ai lavori di ripulitura del travertino. Un lavoro fondamentale per le ricuciture delle due principali vie d’accesso all’hub di Roma Termini”.

I lavori eseguiti

Il progetto, approvato dalla Soprintendenza, ha previsto la realizzazione di tamponature delle aperture presenti tra i pilastri; operazioni di pulizia e sabbiatura per la rimozione dei graffiti e residui di smog, questa operazione in particolare ha permesso di aumentare il potere riflettente del travertino che riveste il sottovia, aumentando l’illuminazione del 25%. Particolare attenzione è stata prestata al rispetto delle superfici in marmo, per cui sono stati utilizzati materiali e tecniche di conservazione volte a preservare e proteggere le pareti. E’ stato inoltre completamente rifatto l’asfalto ed è stata ripristinata la segnaletica stradale.

“Quello di oggi è un importante lavoro di collaborazione interistituzionale - ha commentato la presidente del Municipio Roma I Centro, Lorenza Bonaccorsi - il tunnel prima di questo intervento era estremamente degradato, ora è più sicuro e illuminato. Dobbiamo lavorare tanto sulle infrastrutture stradali. Solo per fare qualche esempio vorrei ricordare gli interventi che partiranno nel prossimo futuro per la manutenzione di piazza Vittorio e per i marciapiedi di viale Manzoni”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sottopasso Turbigo cambia aspetto: completati i lavori "anti clochard"

RomaToday è in caricamento