Tritovagliatore ad Ostia, i cittadini non si fidano di Raggi. C'è la richiesta di Ama

"Ostia non è una discarica" il cartello affisso insieme a 50 sacchi della spazzatura. Il Pd: "Tutte le scelte operate finora su questo territorio dimostrano la totale mancanza di proposte e tutta l'impreparazione di chi oggi amministra la Capitale"

"Al fine di fronteggiare l'attuale situazione emergenziale relativa al trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati prodotti nel territorio di Roma Capitale e facendo seguito alla precedente campagna di esercizio autorizzata nel sito Ama di Rocca Cencia, si trasmette la documentazione al fine di ottenere l'autorizzazione all'esercizio della campagna dell'impianto mobile di tritovagliatura, autorizzato con determinazione Regione Lazio n. GO5282 del 30 aprile 2015, presso la sede Ama di via dei Romagnoli 1167". 

E' Stefano Bina, amministratore delegato di Ama, a firmare e certificare le bugie di Virginia Raggi e Pinuccia Montanari. A Roma c'è un'emergenza rifiuti, negata più volte dall'assessora, e per fronteggiarla c'è bisogno di mettere in funzione il tritovagliatore mobile acquistato da Marino e che la sindaca non ha voluto accendere a Rocca Cencia per non urtare i comitati del VI municipio. 

L'intenzione quindi c'è ed è messa nera su bianco. La Raggi però ancora ieri continuava a negare, anzi a tranquillizzare i resindeti. "I rifiuti di Roma non saranno portati ad Ostia" [GUARDA IL VIDEO]. Una frase che ha urtato tanti. Già perché Ostia è Roma, hanno fatto notare più lidensi. Altri invece hanno dato un'altra lettura. In via dei Romagnoli, ad Ostia Antica, saranno lavorati i rifiuti che vengono prodotti ad Ostia. 

VIDEO - Ecco il tritovagliatore in azione a Rocca Cencia

Ieri la sindaca ha continuato dicendo: "Vorrei evitare ogni tipo di polemica perchè abbiamo bisogno di risolvere i problemi dei cittadini. Ognuno deve fare la sua parte. Se tutti si mettono attorno ad un tavolo secondo me risolviamo la questione davvero a breve. La polemica politica la lascio ad altri".

Restano però le sue parole a Porta a Porta che sono quelle di una difficoltà nel prelevare i rifiuti usciti dai tmb, fissi o mobili, perché mancano gli impianti. E ad Ostia così in tanti si chiedono: una volta lavorati, dove verranno portati quei rifiuti? Il timore, neanche troppo nascosto, è che il centro Ama di via Romagnoli si trasformi un sito di giacenza, con gli annessi disagi in termini di miasmi e di appesantimento del traffico per l'arrivo dei tir carichi di rifiuti. 

Proprio su questo punta il dito il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli: "La decisione è assurda perché l'area dove si collocherà il tritovagliatore si trova in un'area già congestionata dal traffico e che si paralizzerà con l'arrivo degli oltre 50 tir che giornalmente porteranno i rifiuti in quell'area, sono strade come la via Ostiense e via dei Romagnoli, inoltre l'area si trova a poche centinaia di metri da Ostia Antica e da quartieri residenziali".

Sinistra Italiana si chiede "se sono stati fatti studi ambientali relativi alla permeabilità del terreno e alla idoneità del luogo indicato per ospitare il tritovagliatore, così come ci chiediamo se sia stato valutato da qualcuno l'impatto sulla viabilità, già congestionata".

Il Pd attacca e sottolinea le mancate promesse pentastellate sul territorio: "A stagione balneare avviata, i cittadini del litorale si aspettavano un lungomare libero dal cemento e riqualificato, spiagge libere attrezzate e accessibili, attività culturali e promozione turistica. Niente di tutto ciò: per liberare le strade di Roma dal pattume, la Giunta capitolina guidata dalla sindaca Raggi intende regalare a questo territorio un impianto per il trattamento dei rifiuti. Tutto ciò si decide con il beneplacito del capogruppo capitolino del Movimento 5 Stelle Paolo Ferrara, che sul litorale ha raccolto migliaia di voti, e della Delegata del Sindaco Giuliana Di Pillo, prossima candidata alla presidenza del X Municipio. La realtà è presto svelata: tutte le scelte operate finora su questo territorio dimostrano la totale mancanza di proposte e tutta l'impreparazione di chi oggi amministra la Capitale."

E questa notte i militanti di CasaPound Italia hanno affisso uno striscione e scaricato 50 sacchi neri fuori gli uffici del Municipio, per contestare la decisione, della giunta Raggi, di aprire un impianto per lo smaltimento rifiuti ad Ostia. Il coordinatore Luca Marsella: "Quello che sta accadendo ad Ostia è inverosimile. Dopo le strade dissestate. il degrado e le spiagge libere completamente abbandonate, ecco che la Raggi spara un'altra trovata delle sue: spostare il trito vagliatore di Rocca Cencia sulla via dei Romagnoli". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento