rotate-mobile
Trasporto alunni disabili

Trasporto alunni disabili, Roma si lascia alle spalle il disastro Tundo: servizio e lavoratori passano a nuova società

Dal 7 gennaio in strada gli scuolabus della RTI Arriva Italia Meditral, vincitrice del bando di Roma Capitale: "Finalmente garanzie per utenti e lavoratori"

Per il trasporto degli alunni disabili di Roma si apre un nuovo capitolo: dal 7 gennaio a gestire il servizio sarà la RTI Arriva Italia Meditral, vincitrice del bando con cui Roma Capitale, dopo le proroghe, ha riaffidato la delicata attività.

Tundo, la società che lascia a casa gli studenti disabili di Roma: storia di un disastro annunciato

Trasporto disabili: alle spalle il disastro Tundo

La città si lascia dunque alle spalle la disastrosa esperienza con la società Tundo, quella che ha gestito il servizio dal 2013 ad oggi gettandolo nel caos più assoluto: negli ultimi tempi addirittura pulmini fermi ai box a causa di gomme lisce e assicurazioni scadute, alunni di conseguenza lasciati a casa senza la possibilità di poter raggiungere la scuola, lavoratori per mesi senza stipendio e che probabilmente dovranno rincorrere come creditori le ultime tre mensilità dovute. Con la prima campanella del 2022 si cambia: gli scuolabus marchiati Tundo lasceranno il posto a quelli della Arriva Italia Meditral che assorbirà anche i 135 autisti. E’ questo quanto emerso dall’accordo tra sindacati e la Rete Temporanea d’Impresa che gestirà il servizio di trasporto degli alunni disabili di Roma. Gli ulteriori 15 lavoratori con mansioni diverse e specifiche che non rientrano tra gli autisti delle Società che compongono la RTI “verranno proposte opportunità che verranno illustrate e presentate prima ad un tavolo di confronto e poi individualmente ai lavoratori” - scrive la Filt Cgil Roma e Lazio. 

I lavoratori Tundo passano a nuova società

“Il nostro obiettivo è sempre stato di mantenere i livelli occupazionali e la garanzia delle stesse condizioni economiche e di tutela contrattuale a attraverso la clausola sociale a fronte di un riassorbimento, quindi l’applicazione del CCNL Autonoleggio – ANAV, stesse ore di lavoro e inquadramento, mantenimento dell’anzianità maturata, medesima qualifica professionale e trattamenti economici collettivi e individuali. Le garanzie e le tutele, per le quali ci siamo battuti in questi lunghi mesi caratterizzati da incertezza e discontinuità, saranno monitorate e verificate periodicamente con incontri che avranno l’obiettivo di affrontare problematiche specifiche che dovessero emergere nella fase applicativa. La sicurezza dei rapporti di lavoro e la corretta applicazione degli accordi contrattuali - sottolinea il sindacato in una nota - potranno dare tranquillità e stabilità ai lavoratori e contestualmente garantire finalmente un servizio degno delle necessità e delle aspettative dell’utenza. Ci siamo battuti per garantire continuità lavorativa, regolarità di retribuzione ma anche un servizio certo, sicuro che consenta il diritto allo studio per tanti ragazzi con disabilità e tranquillità alle loro famiglie”. 

Trasporto disabili, l'assessora Pratelli: "Servizio sarà finalmente adeguato"

Un accordo, quello tra sindacati e Arriva Italia Meditral, salutato con grande favore anche in Campidoglio. “Questa amministrazione ha ereditato una situazione molto complicata con gravi e quotidiani disservizi da parte della società Tundo. Abbiamo messo in campo tutte le misure necessarie per affrontare l'emergenza e alleviare i disagi provocati agli alunni e alle alunne e anche ai lavoratori della società. Contemporaneamente abbiamo lavorato per accelerare la gara per il nuovo appalto che è stato aggiudicato con una procedura di urgenza e per giungere ad una soluzione di lungo periodo. La conclusione dell'accordo sindacale - ha dichiarato l'assessora alla Scuola, Lavoro e Formazione di Roma Capitale, Claudia Pratelli - è perciò un'ottima notizia che ci consente di arrivare pronti alla riapertura delle scuole con un servizio finalmente adeguato e anche con la garanzia che sono stati tutelati i lavoratori e le lavoratrici, che tanto hanno pagato l'inadeguatezza della società”. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto alunni disabili, Roma si lascia alle spalle il disastro Tundo: servizio e lavoratori passano a nuova società

RomaToday è in caricamento