Politica

Trasporti: ecco perché la Regione Lazio ha tolto 51 milioni di euro a Roma

Attacco dell'assessore Meleo: "Hanno danneggiato i romani". Poi la replica dalla Pisana

"La Regione Lazio ha tagliato risorse al trasporto pubblico di Roma. Ha penalizzato tutti i cittadini". Dopo gli attacchi tra Raggi e Zingaretti su ferrovie ex concesse e sistema rifiuti, lo scontro si amplifica con un altro, pesante, j'accuse. L'assessore Linda Meleo, titolare alla Mobilità della giunta grillina, punta il dito contro La Pisana, rea di aver sottratto fondi ad Atac, ai suoi bus di superficie, alle sue linee metropolitane. 

Parla di un "buco di 50 milioni di euro nel bilancio 2018 rispetto al 2017" nella voce riguardante il finanziamento al trasporto pubblico di Roma Capitale. Uno sgarbo che da come la narra Meleo non avrebbe una ragione plausibile, se non quella di un affronto squisitamente politico sulle spalle dei cittadini: "A Trenitalia invece sono stati concessi oltre 250 milioni di euro, circa 20 in più rispetto ai 235 milioni del 2017". Ma la regione non ci sta. 

La replica al lungo post dell'assessore (in versione integrale in fondo all'articolo) arriva rapida e non fa sconti. "Non è il Lazio che ha ridotto le risorse destinate al servizio di trasporto pubblico di Roma - si legge in una nota stampa - l’assessore comunale Linda Meleo si informi meglio e legga il Bilancio della Regione fino in fondo". Perché in realtà "a stabilire la decurtazione delle risorse del Fondo nazionale per il Trasporto pubblico locale è il DPCM 26 Maggio 2017 che definisce i criteri e le modalità con cui ripartirlo"

Tradotto per i non addetti ai lavori: esiste un fondo statale previsto dal Mef (Ministero Economia e Finanze) che avrebbe tagliato le risorse alla regione a seguito dell'abbassamento generale degli standard del servizio. Difficile negare che Atac, le sue casse e le sue performance, abbiano contribuito in larga parte alla valutazione generale effettuata dal Ministero. "Se non si raggiungono gli obiettivi previsti dalla legge, viene applicata una penalità per la Regione nella distribuzione del Fondo - spiegano dalla Pisana - è quello che si è verificato quest’anno con una decurtazione di quasi 51 mln di euro della somma destinata alla Regione Lazio a causa delle performance scadenti del trasporto pubblico locale di Roma gestito da Atac"

D'altronde la partecipata si prepara ad affrontare una procedura di concordato preventivo per evitare il falimento, e ha all'attivo un maxi debito di 1,4 miliardi di euro. E che il servizio sia andato via via peggiorando negli ultimi anni non è una novità nemmeno per i Cinque Stelle. A pochi mesi dall'insediamento del governo Raggi, lo stesso assessore Meleo, insieme al presidente della commissione mobilità Enrico Stefano, informava la cittadinanza di una prima novità: "l'operazione trasparenza" sulle corse disponibili, con una riprogrammazione dei veicoli effettivamente presenti in strada. Novità che declinata nella sua versione positiva suonava così: invece di dire agli utenti, mentendo, che i bus passano ogni 5 minuti, gli diciamo che passano ogni 15, ma almeno è la verità. Ma che traslata nella realtà altro non era che una presa di coscienza: pochi mezzi, poche corse, e lunghe attese tra banchine e pensiline. Un'inefficienza gestionale messa nero su bianco, che ha avuto come conseguenza diretta il mancato arrivo dei finanziamenti regionali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti: ecco perché la Regione Lazio ha tolto 51 milioni di euro a Roma
RomaToday è in caricamento