menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine dal video-rendering del progetto

Immagine dal video-rendering del progetto

Un tram dall'Esquilino ai Fori, annunciato tre anni fa il Comune torna a promettere: "Progetto c'è, pronti a presentarlo al ministero"

L'assessore alla Mobilità Pietro Calabrese assicura che il progetto esiste, mancano solo i fondi del ministero dei Trasporti

Nel suo tratto centrale porterà i romani da piazza Vittorio a piazza Venezia, collegando i due capolinea di via Prenestina e circonvallazione Gianicolense. È il tram 4 e sulla carta attraversa la Capitale da est a ovest, passando per il cuore della città. 

A presentarlo nelle sue principali caratteristiche fu la stessa Virginia Raggi accanto all'allora assessora ai Trasporti Linda Meleo (oggi ai Lavori pubblici). Era febbraio 2018 e i cantieri erano previsti per il 2019. Tre anni dopo, tra studi di fattibilità e Conferenza dei servizi per i pareri necessari, il Campidoglio torna a promettere: il progetto c'è. A garantirlo è l'assessore alla Mobilità Pietro Calabrese: "Lo presenteremo al ministero delle Infrastrutture per ottenere i finanziamenti necessari". Costo complessivo stimato: circa 20 milioni di euro. 

Il progetto del tram 4

La tranvia Venezia-Vittorio sarà il tratto centrale della nuova linea 4 che collegherebbe la Prenestina alla Gianicolense, lunga 4,8 km. Stando al progetto, a Piazza Venezia i tram proseguiranno sui binari già esistenti fino a Casaletto, mentre da piazza Vittorio continueranno verso Prenestina. Questa tranvia incrocerà tutte e tre le linee metro: la A a piazza Vittorio, la B su via Cavour e la C nella futura stazione di piazza Venezia.  

Nel dettaglio ecco il percorso: il capolinea sarà a piazza Vittorio (dove potrà intersecarsi con il 14 e il 5 provenienti da Largo Preneste e Centocelle) e per raggiungere i Fori Imperiali, il tram passerà da via dello Statuto, incrocerà via Merulana, attraverserà largo Brancaccio e scenderà su via Giovanni Lanza.

Poi uno stop intermedio a piazza San Martino ai Monti, che nei progetti diventerà un'isola pedonale libera dalla costante invasione di auto parcheggiate ovunque, e infine, percorrendo l'ultimo tratto di via Cavour arriverà a Largo Corrado Ricci, altra area dove le auto saranno bandite. "Prevediamo la fornitura di tram ad alto contenuto tecnologico da utilizzare su questa linea - ha spiegato l'assessore Calabrese - sono veicoli con sistema catenary free, ovvero possono procedere su alcuni tratti senza linea aerea". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento