Via libera alla riqualificazione della Torre di Palidoro. A settembre un museo dedicato a Salvo D'Acquisto

Partiti i lavori per riqualificare il monumento davanti al quale si sacrificò il Vice Brigadiere Salvo D’Acquisto. Al Carabiniere, Medaglia d'oro al valor militare alla memoria, sarà dedicato un museo

La Torre di Palidoro

E partito il cantiere per la riqualificazione e la valorizzazione della Torre di Palidoro. L’edificio, realizzato tra l’VIII ed il IX secolo a nord di Passoscuro, è ricordato anche per un episodio risalente alla Seconda Guerra Mondiale.

Salvo D'Acquisto

A poca distanza dal monumento venne infatti fucilato il giovane Vice Brigadiere dei Carabinieri Salvo D’Acquisto che offrì la sua vita per mettere in salvo 22 persone. Si trattava di vittime innocenti, destinate alla rappresaglia per l' attentato subito dalle truppe naziste  il 22 settembre. Al Carabiniere è dedicata anche una stele situata davanti la torre medioevale.

I lavori promessi

L’inizio dei lavori di riqualificazione è stato comunicato dall’assessorato al Patrimonio della Regione Lazio.  “Siamo molto soddisfatti perché lo avevamo annunciato firmando il protocollo d’intesa con l’Arma dei Carabinieri lo scorso autunno e adesso, in questa nuova fase post Coronavirus, possiamo concretizzare gli impegni sottoscritti, anche con la collaborazione del Comune di Fiumicino” ha fatto sapere l’assessore Alessandra Sartore, che ha inoltre espresso l’auspicio “di completare i lavori entro agosto per poter inaugurare il Museo dedicato a Salvo D’Acquisto il 23 settembre”.

Il futuro museo

Alla figura di Salvo D’Acquisto, celebrata anche nell’omoninomo film diretto nel 1974 da Romolo Guerrieri ed interpretato da Massimo Ranieri, sarà dunque dedicato un museo. Sarà l’Arma a provvedere all’allestimento, garantendone l’apertura al pubblico. Ai Carabinieri è stato infatti concesso l’affidamento decennale, rinnovabile, della Torre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un patrimonio collettivo

“E’ un intervento di valorizzazione del nostro patrimonio, utile a mantenere viva la memoria ed anche a riqualificare un'intera area, di grande interesse sia storico che naturalistico. Dopo aver riaperto il Castello di Santa Severa e il relativo polo museale, riattivato il sistema territoriale che comprende lo stesso Castello, il Monumento Naturale Pyrgi e la Riserva Regionale Naturale Macchiatonda, il recupero della Torre medievale di Palidoro e l’area circostante è coerente con la vocazione storico-artistica e ambientale di quest’area" ha concluso l'assessore regionale, ringraziando “sia l’Arma dei Carabinieri sia il Comune di Fiumicino per aver condiviso il progetto”. Ne beneficerà la torre medievale, realizzata come punto d'avvistamento contro i Saraceni. Ma anche la Memoria collettiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Scuola, nel Lazio il rientro è a ingressi scaglionati: ecco le fasce orarie

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento