rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Politica Guidonia Montecelio

Tmb Guidonia, no al collaudo disposto da Gualtieri: il comune fa ricorso al Tar

Il sindaco di Guidonia ha nominato il legale per opporsi all'ordinanza di Gualtieri sul Tmb

La battaglia di Guidonia contro la messa in funzione del Tmb (Trattamento meccanico biologico) di Cerroni si arricchisce di un nuovo capitolo.

La diffida dei comitati

L’impianto, di proprietà del patron di Malagrotta, non è mai entrato in funzione. E’ stato anche soggetto ad un’interdittiva antimafia, nel 2014, che ha interessato gli impianti del gruppo Cerroni nell’ambito di un’inchiesta per associazione a delinquere. Quattro anni più tardi il “re dei rifiuti” è stato assolto, ma l’interdittiva non è stata revocata e, su questo aspetto, hanno incentrato la propria contestazione 13 comitati e associazioni, che hanno presentato una diffida al primo cittadino romano

L'ordinanza di Gualtieri

Al di là della diffida, anche l’amministrazione di Guidonia Montecelio si è espressa. Lo ha fatto votando, in consiglio comunale, un atto con cui si chiede al sindaco d’intervenire contro la decisione di Gualtieri. Il primo cittadino di Roma, nei panni di commissario dei rifiuti e di sindaco della città metropolitana, ha infatti firmato un’ordinanza per chiedere di svolgere una serie di attività propedeutiche all’accensione del Tmb. Opzione che l’amministrazione locale, insieme ai cittadini già provati dal passato impiego della discarica dell’Inviolata, vogliono assolutamente scongiurare.

Il ricorso annunciato dal comune di Guidonia

“Con un’apposita deliberazione di Giunta l’amministrazione comunale di Guidonia Montecelio ha conferito mandato all’avvocato Xavier Santapichi di ricorrere al Tar contro l’ordinanza firmata dal sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri emessa in qualità di Sindaco della Città metropolitana di Roma con la quale si dispone il collaudo del Tmb di Guidonia Montecelio, attività propedeutica alla sua apertura” si legge in una nota diramata dall’ufficio del neosindaco Mauro Lombardo.

“Più volte è stata ribadita la contrarietà di questa amministrazione all’entrata in funzione dell’impianto con procedure accelerate ed emergenziali. Una posizione condivisa dal consiglio comunale che, nella seduta dello scorso 26 luglio, si è espressa in maniera inequivocabile votando un ordine del giorno che impegna il sindaco ad adottare ogni atto necessario per non consentire a Roma Capitale di scaricare i propri rifiuti nel territorio del nostro Comune”. 

Un TMB prezioso per la Capitale

A poche ora dalla conferenza stampa con cui Gualtieri annuncerà il piano rifiuti di Roma Capitale, arriva quindi il ricorso della città che dispone di un impianto che potrebbe supplire alla linea del Tmb di Malagrotta, messa fuori gioco dall’incendio dello scorso giugno. “Ritengo, dopo un’attenta analisi dei documenti, che ci siano gli estremi per ricorrere al Tar a cui chiederemo l’annullamento dell’ordinanza Gualtieri - ha precisato il sindaco Lombardo - Non lascerò intentata nessuna strada che ritengo utile a scongiurare l’entrata in funzione dell’impianto”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tmb Guidonia, no al collaudo disposto da Gualtieri: il comune fa ricorso al Tar

RomaToday è in caricamento