menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Il TgLazio è TeleAlemanno": il Pd insorge contro la Rai regionale

Repubblica di oggi riporta i dati dell'Osservatorio di Pavia riguardo il monitoraggio sul pluralismo politico nei tg regionali. Netta la sproporzione a favore di Alemanno a svantaggio di Polverini e Zingaretti

Scatta l'allarme nelle file del Pd: secondo i dati dell'Osservatorio di Pavia, riportati su Repubblica di oggi, "il Tg Lazio è diventato TeleAlemanno". Il monitoraggio periodico sul pluralismo politico nei telegiornali regionali, effettuato per conto della Rai dal 30 marzo al 30 giugno (l'ultimo disponibile), segnala una sproporzione a favore del sindaco di Roma e del Pdl in generale, a scapito di tutti gli altri soggetti e partiti politici, non rilevata in nessun altra parte d'Italia.

Il tempo dedicato al sindaco Alemanno nelle tre edizioni del telegiornale guidato da Nicola Rao ammonta a 70 minuti e 57 secondi, seguito dalla governatrice Polverini con 58,25 minuti, ai quali vanno tuttavia aggiunti i 32 minuti che l'ex sindacalista s'era già guadagnata come sfidante per la Pisana, nel periodo in cui è stato effettuato il monitoraggio, contro i 5,36 minuti assegnati a Emma Bonino, candidata del centro sinistra.

Confrontare i dati del Tg Lazio con quelli dell'altra grande testata regionale, il Tg Lombardia, chiarisce la sproporzione: il sindaco di Milano, Letizia Moratti, si attesta a 44,18 minuti, un terzo di Alemanno, il governatore Roberto Formigoni a 34,52 minuti, 24 in meno della Polverini. Per quanto riguarda, invece, gli esponenti del centrosinistra il dato più alto è per il presidente della provincia Nicola Zingaretti del Pd che detiene 17,48 minuti. Gli assessori pidiellini della giunta comunale si accaparrano il 15,7% del tempo, quelli regionali il 5, contro l'1% dei colleghi di Palazzo Valentini. Passando invece agli esponenti politici che non hanno incarichi né di governo né istituzionali, il Pdl totalizza il 45,4% contro i 21,8 de1 Pd, l'11,8 dell'Udc, il 6,1 dell'Idv.

Fra le coalizioni, complessivamente, il Tg Lazio dedica alle giunte di centrodestra l'80,5% dello spazio informativo, a quelle di centrosinistra il 15,8, alle altre liste il 3,7. Mentre prendendo in considerazione i singoli esponenti politici senza incarichi di governo o istituzionali il rapporto si fa più ravvicinato: il centrodestra occupa il 50,3%, il centrosinistra il 37,8, le altre liste il 3,7. "Lo squilibrio del telegiornale regionale è smaccatamente fuori da qualsiasi parametro di servizio pubblico, è il più sbilanciato d'Italia", denunciano i senatori democratici Riccardo Milana e Vincenzo Vita, annunciando un esposto al Garante per assenza di pluralismo. Un'accusa che il Pd intende ora portare all'esame della Commissione di vigilanza Rai con l'audizione del direttore delle testate regionali, Alberto Maccari, "al fine di segnalare la gigantesca anomalia di un giornalismo che oscilla tra l'essere di parte e l'essere fazioso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento