Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Tiber ed i suoi fratelli: nel Tevere ci sono ancora relitti da rimuovere

Dal Lungotevere della Vittoria a Marconi il fiume continua ad avere imbarcazioni affondate o spiaggiate

La rimozione di Tiber I. Foto Regione Lazio

La rimozione di Tiber I, avvenuta nella giornata del 16 giugno, ha permesso di liberare il tratto centrale del Tevere da uno scafo ingombrante. 

Il relitto di Tiber I

Con le sue 25 tonnellate di stazza ed i 17,5 metri di lunghezza, l’imbarcazione era una delle più ingombranti, tra quelle affondate nel Tevere. Ma non è certamente la sola. Nel tratto urbano del fiume sono infatti ancora presenti altri relitti che, come Tiber I, hanno pagato a caro prezzo la piena del 2008.

La motonave visibile dal satellite

Il caso più eclatante è quello che riguarda Tiber II, “il Titanic di Roma”. E’ grande il doppio rispetto al relitto recuperato tra il ponte Umberto I e Ponte Sant’Angelo. Misura infatti 38 metri di lunghezza ed 8 di larghezza e si trova da 13 anni sulla banchina di lungotevere della Vittoria, all’altezza di via Fagarè. Si trova difronte ad esclusivi circoli sportivi e viene utilizzato come dimora da alcune persone che vi abitano con un paio di cani.  Nonostante sia parzialmente nascosto dalla vegetazione, la motonave è così grande da risultare visibile anche con le foto satellitari.

I tempi per la rimozione del Titanic di Roma

Su Tiber II sono state presentate delle interrogazioni, recentemente dalla consigliera leghista Laura Corrotti. Lo scorso febbraio Lo scorso Cristiana Avenali, la responsabile regionale dei contratti di Fiume, aveva spiegato che l’iter amministrativo per la rimozione dell’imbarcazione era già partito. Ma trattandosi d’una procedura complicata, era necessario avere ancora un po’ di pazienza.“Se andrà tutto nel verso giusto - aveva fatto sapere Avenali - per la prossima estate anche quel relitto verrà rimosso”. I tempi quindi sono maturi.

L'imbarcazione affondata a Marconi

Seguendo il corso del fiume, in direzione Fiumicino, è possibile individuare anche altri relitti. Uno, di dimensioni più contenute, si trova davanti la banchina di Lungotevere degli Inventori, in un tratto che segna il confine tra Marconi e Magliana. E’ visibile anche affacciandosi da Ponte Marconi, se si guarda sulla riva opposta rispetto a quella dove viene allestito Tiberis. Il relitto, adagiato su un lato, è parzialmente affiorante e si trova in quelle condizioni da tanto di quel tempo che se n’è persa la memoria. Rimuoverlo, anche in quel caso, significherebbe liberare il fiume da tonnellate di materiale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiber ed i suoi fratelli: nel Tevere ci sono ancora relitti da rimuovere

RomaToday è in caricamento