Coronavirus, nel Lazio via libera ai test rapidi antigenici presso i medici di medicina generale

Sono in circa 300 ad aver aderito al protocollo. L'assessore D'Amato poi annuncia: "Chiesto al Governo la possibilità di farli fare anche alle farmacie"

Dopo il via libera ai laboratori privati, il via libera ad effettuare i tamponi rapidi antigenici è arrivato anche per i medici di medicina generale. Lo comunica con una nota l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, con una nota. A poter eseguire i cosiddetti test rapidi nei propri studi saranno i medici che hanno aderito al bando della Regione Lazio.

"Sarà un servizio gratuito per i cittadini e i kit ai medici verranno forniti dal Sistema sanitario regionale", ha fatto sapere D'Amato. "I medici che hanno aderito e sottoscriveranno il profilo di sicurezza sono più di 300 e circa 40 le Unità di Cure Primarie (UCP)". Questa attività partirà dalla prossima settimana.

Al via i test nei laboratori privati

Prosegue anche l'iter per permettere di far eseguire i tamponi rapidi anche ai farmacisti del Lazio. D'Amato ha spiegato di aver espresso questa volontà nel corso dell'incontro di ieri con il Governo. "Sono in corso in queste ore gli approfondimenti tecnici per consentire il servizio in piena sicurezza e la trasmissione dei flussi informativi nelle banche dati delle Asl. In questo caso l’onere sarà a carico dei cittadini. Queste due scelte serviranno ulteriormente ad ampliare la possibilità di fare screening attraverso l’utilizzo dei test antigenici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento