rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Politica

Senza dimora e migranti, ecco dove saranno le tensostrutture per il Giubileo. A viale Pretoriano arriva la cancellata

Non è ufficiale, ma oltre a Termini gli hub dell'accoglienza in vista del Giubileo verranno aperti presumibilmente a Ostiense, in zona Vaticano e nei pressi della stazione Tiburtina

A metà marzo il Comune aveva annunciato che in vista del Giubileo avrebbero aperto almeno quattro nuove tensostrutture per ospitare senza dimora e migranti. Una scelta obbligata, dato il numero di persone che ogni giorno e ogni notte vivono in strada e hanno necessità di accoglienza e assistenza, anche sanitaria. Oltre a Termini, quadrante intorno al quale si aggrega la maggior parte dei senza dimora, saranno altri tre i luoghi individuati. 

Le tensostrutture per senza dimora

Ad oggi di certezze non ce ne sono ancora. L'assessorato alle politiche sociali e della salute, guidato da Barbara Funari, è a lavoro per le verifiche necessarie. Per esempio una delle zone è Ostiense, piazzale 12 ottobre 1942, già sperimentata da fine dicembre a fine marzo, ma come fa sapere la stessa assessora "bisognerà capire se potremo nuovamente installarla lì. In ogni caso abbiamo potuto verificare che la cittadinanza ha reagito bene". 

Accoglienza a Tiburtina e Vaticano

Gli altri due posti sarebbero stazione Tiburtina e al Vaticano. Nel primo caso parliamo di un crocevia soprattutto per migranti e transitanti, che non raramente si fermano per qualche giorno nelle aree limitrofe in accampamenti di fortuna, ciclicamente sgomberati da forze dell'ordine e Ama. Nel secondo, l'area intorno a piazza San Pietro, è un evidente crocevia per migliaia di persone ogni giorno e storicamente scelto da chi non ha una dimora fissa per passare la notte. Quasi sempre sotto al colonnato che incornicia la piazza della Basilica. Lì dove a novembre 2022 è deceduto il 61enne Burkhard Scheffler, ricordato anche da Papa San Francesco in una sua preghiera dopo la scomparsa. Stessa sorte per Mirko, cittadino slovacco, il "clochard senza volto" ben conosciuto dal Santo Padre e per un periodo anche in cura a Palazzo Migliori. 

Una cancellata a viale Pretoriano

Nel frattempo dal Campidoglio, in accordo con la Sovrintendenza, sta per arrivare una "stretta" rispetto al fenomeno delle tendopoli sotto le Mura Aureliane, in particolare a viale Pretoriano. L'insediamento si alimenta continuamente, popolaro per lo più da cittadini provenienti dal Nord Africa e dall'Africa Subsahariana, reduci da Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) o direttamente dagli affollati hot spot di Lampedusa. I giardini che costeggiano la via sotto le Mura verranno chiusi da una cancellata, così da impedire lo stazionamento di persone. I disperati troveranno altri posti dove accamparsi per qualche notte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza dimora e migranti, ecco dove saranno le tensostrutture per il Giubileo. A viale Pretoriano arriva la cancellata

RomaToday è in caricamento