Martedì, 27 Luglio 2021
Politica Centro Storico

Teatro Valle, Rodano (Idv): "Da occupanti proposta matura e praticabile"

Il consigliere regionale di Idv, Giulia Rodano, proporrà alla Giunta un emendamento per un contributo da parte della Regione affinché si faccia del Valle un centro nazionale per il teatro contemporaneo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

“L’unico ad essere puerile è il sottosegretario Giro, che si ostina a non ascoltare. I lavoratori che occupano il Teatro Valle hanno lanciato una proposta matura e praticabile, che le istituzioni hanno l’obbligo di prendere seriamente in considerazione. Il mantenimento della proprietà pubblica, la tutela della vocazione alla drammaturgia contemporanea, l’attenzione alla formazione e l’apertura alle collaborazioni internazionali delineano una risposta ad un problema che è sia culturale che generazionale: offrire alla Capitale e al Paese uno spazio di spettacolo dedicato esclusivamente alla contemporaneità, e allo stesso tempo offrire ai nuovi autori un’opportunità di visibilità e di produzione sostenuta direttamente dal sistema culturale pubblico”. Lo dichiara in una nota Giulia Rodano, consigliere regionale di Italia dei Valori, membro della commissione Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio.

“Si tratta di idee e proposte che condividiamo - continua Rodano - che sosteniamo pubblicamente sin dal primo giorno in cui è iniziata la protesta e su cui chiameremo a pronunciarsi pubblicamente anche la Giunta regionale, con un emendamento in assestamento di bilancio in cui proporremo che anche la Regione Lazio stanzi un contributo ad hoc per fare del Valle un centro ”.

“Una cosa è certa - conclude il consigliere di Italia dei Valori -. Ventidue giorni di assemblee, di interventi pubblici di lavoratori, di artisti e di intellettuali di tutto il Paese, di valutazione delle leggi vigenti da settant’anni e di disamina delle nuove necessità del settore, di elaborazione di proposte, contribuiranno senz’altro a smuovere le coscienze di questo Paese molto più dei tre anni di tagli, di inerzia, di smobilitazione che hanno caratterizzato le politiche culturali pubbliche del governo Berlusconi”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Valle, Rodano (Idv): "Da occupanti proposta matura e praticabile"

RomaToday è in caricamento