Teatro dell'Opera, il cda revoca i licenziamenti di coro e orchestra

Nella riunione di ieri il cda del Costanzi ha approvato l'accordo con i sindacati, oggi sottoposto all'esame dell'assemblea dei lavoratori. Fuortes: "Risolve molti problemi economici"

“Il cda del Teatro dell'Opera ha apprezzato molto l'accordo raggiunto con i sindacati. Quindi lo abbiamo approvato. Mi è stato dato mandato di revocare i licenziamenti qualora l'assemblea domani approvi il documento”. È al termine della riunione del cda che si è tenuta ieri pomeriggio che il presidente del Costanzi Carlo Fuortes ha comunicato il passo indietro sui licenzimenti di coro e orchestra decretati lo scorso 2 ottobre.

Un accordo che oltre a salvare oltre 150 posti di lavoro “garantisce al teatro la risoluzione di molti dei problemi economici che aveva. Il prossimo passo è il nuovo consiglio di indirizzo e la nomina del sovrintendente” ha continuato Fuortes. In base al nuovo statuto che entrerà in vigore dal primo gennaio prossimo , ha spiegato il sovrintendente “dovranno essere in carica i nuovi organi”. Nessuna anticipazione da parte di Fuortes in merito a un suo rinnovamento: “La nomina viene fatta dai soci, non dal sottoscritto. Non sono previste autocandidature”.

Come ha comunicato il cda del Teatro dell'Opera ad essere stato approvato nella riunione di ieri è l'ipotesi di accordo firmato da sette sigle sindacali il 17 novembre scorso “ed ha quindi dato mandato al sovrintendente Carlo Fuortes di revocare la procedura ex legge 223/91, subordinatamente all'esito positivo dell'assemblea dei lavoratori del teatro che si terrà il 25 novembre”. Conclude la nota: “Il cda esprime la sua grandissima soddisfazione per il risultato raggiunto nella trattativa, che consente di procedere nella direzione del risanamento economico tutelando al contempo tutti i dipendenti della fondazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto il sindaco Ignazio Marino: “Esprimo sollievo per l'esito della trattativa. Speriamo che l'accordo venga finalizzato in poche ore, così da superare la fase di fragilità del teatro e iniziare da subito il suo rilancio su scala nazionale e internazionale, puntando sulle grandi professionalità del teatro stesso" ha comunicato in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento