Politica Centro Storico / Piazza del Campidoglio

Salario accessorio dipendenti comunali: fumata bianca in Campidoglio

Concluso l'incontro in Comune tra Ignazio Marino ed i rappresentanti della funzione pubblica di Roma e del Lazio. Nieri: "Pronte 47 lettere di assunzione per i concorsi"

Fumata bianca in Campidoglio nell'incontro tra Ignazio Marino e i sindacati sul tema del salario accessorio dei dipendenti capitolini. La riunione si è tenuta questa mattina. Oltre al primo cittadino, anche il suo suo vice e assessore al Personale, Luigi Nieri, e i sindacati della Funzione pubblica di Roma e del Lazio. Al centro del dibattito il nuovo contratto dei dipendenti pubblici capitolini, in particolare il capitolo salario accessorio, dopo la delibera approvata in Giunta lo scorso mese e definita dalle sigle come un "atto unilaterale".

'CONCORSONE' - Soddisfatto Luigi Nieri che al termine dell'incontro ha annunciato: "Lunedì partiranno le lettere per l'assunzione delle prime 47 persone che hanno partecipato ai concorsi di Roma Capitale, che i primi di ottobre verranno a firmare e diventeranno dipendenti dell'amministrazione comunale". Le parole del vicesindaco al termine della riunione in Campidoglio, in cui ha dichiarato ai rappresentanti delle sigle del comparto funzione pubblica anche le novità sul cosiddetto 'concorsone' di Roma Capitale.

?FUMATA BIANCA - All'incontro erano presenti Roberto Chierchia (Cisl Fp), Sandro Bernardini, (Uil Fpl, insieme al membro della segreteria Francesco Croce), Franco Moscia (Csa), Giancarlo Cosentino (coordinatore Rsu di Roma Capitale) ed il segretario ella Fp Cgil di Roma e Lazio, Natale Di Cola. Proprio quest'ultimo ha dichiarato: "Il sindaco ci ha dato la disponibilità a lavorare insieme per superare l'atto unilaterale e arrivare finalmente a un nuovo contratto condiviso per i 24mila dipendenti di Roma Capitale. Nei prossimi giorni condivideremo insieme ai lavoratori la nostra piattaforma, che poi presenteremo all'amministrazione". Al tavolo anche il presidente della commissione Personale di Roma Capitale, Svetlana Celli

TAVOLO SUGLI SPRECHI - Tra le novità emerse dal vertice, ha spiegato Di Cola, "abbiamo ottenuto finalmente l'apertura del tavolo sugli sprechi, e nei prossimi giorni ci sarà il primo incontro con l'assessore al Bilancio, Silvia Scozzese. Condivisa anche l'apertura del tavolo per ridefinire il piano assunzionale, e inoltre ripartiranno i tavoli specifici su vigili e scuole". Poi, ha concluso il sindacalista, "alla fine del mese alla luce di questo percorso ci sarà un nuovo incontro in cui porteremo la nostra piattaforme e valuteremo se ci saranno le condizioni per riaprire la trattativa vera e propria".

PD ROMA - Soddisfazione espressa anche dalla responsabile del Pd Roma Giovanna Ceccarelli: "Se portato fino in fondo il confronto tra l'amministrazione e le parti sociali sul salario accessorio potrà portare a frutti positivi per tutti, a soluzioni condivise. Finalmente vediamo una svolta". "Questo vuol dire - conclude Giovanna Ceccarelli - riuscire a soddisfare di più le esigenze dei romani, garantendo maggior efficienza alla macchina comunale, ma anche considerare le esigenze salariali e contrattuali dei lavoratori comunali- conclude Ceccarelli- Insomma, la concertazione può trovare a Roma una nuova primavera".

CORATTI - Soddisfatto anche Mirko Coratti: "La riunione odierna tra sindaco e organizzazioni dei lavoratori dei dipendenti comunali è senz'altro il segnale positivo che tutti attendevamo. Finalmente è stato riavviato un dialogo costruttivo. È nell'interesse primario dell'amministrazione capitolina e della città che sia ripristinato un clima di serenità e operosità tra i dipendenti di Roma Capitale".

NUOVO CONTRATTO DECENTRATO -  Il presidente dell'Assemblea Capitolina ha poi concluso: "I nostri lavoratori sono essenziali per tutti i progetti di riorganizzazione, modernizzazione e semplificazione della macchina amministrativa della capitale - ha aggiunto - Dai prossimi giorni saremo tutti impegnati a ridefinire, a migliorare e a favorire l'adozione di un nuovo contratto decentrato improntato all'efficienza amministrativa e gestionale e a garanzia dei livelli retributivi dei lavoratori". 

PECIOLA - "L'incontro tra le organizzazioni sindacali e l'amministrazione capitolina promosso dal sindaco Marino e dal vice sindaco Nieri è stato positivo. È stato riaperto il dialogo con i sindacati con l'obiettivo di dare l'avvio ad un riassetto complessivo dell'amministrazione e ad un miglioramento dei servizi offerti alla città", dichiara in una nota Gianluca Peciola, capogruppo Sel in Campidoglio. "Nelle prossime settimane proseguiranno i confronti, con il coinvolgimento anche dei Municipi - aggiunge - per la definizione di un nuovo contratto decentrato che garantisca la tutela dei lavoratori, la riorganizzazione della macchina amministrativa, la lotta agli sprechi e alle inefficienze. Come Sel continueremo a lavorare affinchè le forzature scomposte del Governo sul salario accessorio non penalizzino i nostri dipendenti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salario accessorio dipendenti comunali: fumata bianca in Campidoglio

RomaToday è in caricamento