Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Tasse locali e quote nido, il Comune sposta i termini per i pagamenti: ecco le nuove scadenze

In risposta all'emergenza coronavirus, il Campidoglio fissa la nuova disciplina per i versamenti del 2020. Circa 320 milioni di euro che verranno coperti con anticipi della tesoreria

Piazza del Campidoglio

La tassa di soggiorno, quella sul suolo pubblico, i canoni d'affitto per gli immobili pubblici, le rate dell'asilo nido. Il Comune sposta i termini dei versamenti al 30 settembre, fissando le nuove scadenze in una delibera di giunta del 29 maggio, per un totale di 320 milioni di euro di mancati incassi che verranno coperti in via temporanea da anticipi della tesoreria. Pagamenti sospesi e differiti quindi, ma non annullati. Per l'esonero infatti serviranno fondi aggiuntivi del Governo. Ma vediamo punto per punto le nuove finestre temporali stabilite. 

Viene differito al 30 settembre 2020, senza applicazione di sanzioni e interessi, il termine per il versamento della tassa di soggiorno (14 milioni) e delle rate del Cosap (Canone per l'occupazione di suolo pubblico), del Cip (Canone per gli impianti pubblicitari), inizialmente previsto al 16 e al 30 luglio.  

Gli avvisi di pagamento e ingiunzioni

Il posticipo riguarderà anche l'invio degli avvisi bonari di pagamento della tassa sui rifiuti, la Tari, al 30 settembre quelli del primo semestre, al 31 dicembre quelli del secondo semestre. 

Sospesi poi fino al 30 settembre anche gli avvisi di accertamento, ingiunzioni fiscali, avvisi di pagamento in materia di Imu, Tasi e Tari, tassa di soggiorno, Cosap e Cip, "con esclusione - si legge nel testo della delibera - delle posizioni riguardanti le procedure concorsuali, ovvero nei casi in cui si ravvisi un concreto rischio di mancata riscossione delle entrate e di disporre che in ogni caso dovranno essere inviati gli atti relativi alle annualita? a rischio prescrizione al 31 dicembre 2020". 

E ancora congelati fino al 30 settembre ci sono anche gli avvisi di accertamento, ingiunzioni fiscali, avvisi di pagamento in materia di Imu, Tasi e Tari, tassa di soggiorno, Cosap e Cip, "con esclusione - si legge nel testo della delibera - delle posizioni riguardanti le procedure concorsuali, ovvero nei casi in cui si ravvisi un concreto rischio di mancata riscossione delle entrate e di disporre che in ogni caso dovranno essere inviati gli atti relativi alle annualita? a rischio prescrizione al 31 dicembre 2020". 

I canoni di locazione

Sospeso anche il pagamento dei canoni e delle indennita? d’uso, comprese le rate di eventuali piani di rateizzazione gia? accordati, per locazioni e concessioni degli immobili di proprieta? capitolina destinate ad attivita? commerciali, compresi gli spettacoli viaggianti, socio-culturali e sportive con scadenza originale entro il 30 giugno 2020. Detti versamenti sono differiti, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un'unica soluzione al 30 settembre 2020 o mediante rateizzazione, in conformita? alle vigenti norme regolamentari, a decorrere dal mese di settembre 2020;

Ed è stop temporaneo anche per il pagamento delle quote contributive dovute per i nidi e per i servizi di refezione (appalto e autogestione) e trasporto scolastici, a decorrere dal 1 marzo e fino alla durata di sospensione dei servizi.

Per l'esonero servono aiuti dal Governo

Per quanto riguarda invece l'esonero definitivo non si può procedere senza aiuti da palazzo Chigi. In delibera è chiaramente specificato. "Sarà necessario, in una fase successiva, procedere alla definizione di uno specifico provvedimento volto all'individuazione di categorie di contribuenti/utenti maggiormente colpiti dall’emergenza sanitaria da Covid 19, al fine di esentare le stesse dal pagamento di tributi ed entrate extratributarie". Ma gli impatti sul bilancio capitolino sarebbero insostenibili, senza "un'adeguata copertura finanziaria attraverso il trasferimento di fondi statali, regionali o altro". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse locali e quote nido, il Comune sposta i termini per i pagamenti: ecco le nuove scadenze

RomaToday è in caricamento