Rifiuti: "100 milioni di bollette Tari non pagate dalla pubblica amministrazione"

La denuncia di Ama, presentata in conferenza stampa alla presenza della sindaca Raggi e dell'assessore Montanari

Conferenza stampa

Circa 100 milioni di euro di bollette Tari inevase da parte delle pubbliche amministrazioni, di cui 20 milioni solo da Palazzo Chigi e ministeri, che si traducono in minori entrate per Ama. A tanto ammonta il debito nei confronti della municipalizzata capitolina dei rifiuti secondo un'analisi svolta dall'azienda e presentata stamattina in una conferenza stampa in Campidoglio dalla sindaca di Roma Virginia Raggi, dall'assessore capitolino all'Ambiente, Pinuccia Montanari e dal presidente di Ama, Lorenzo Bagnacani. 

"Oggi facciamo questa conferenza stampa per portare avanti un'operazione verità: è importante capire lo stato dell'arte per andare avanti, noi stiamo lavorando molto per il risanamento di Roma Capitale e delle sue partecipate per riparametrare le risorse con l'obiettivo di capire se e quanto possiamo recuperare per destinarlo al miglioramento dei servizi per i cittadini" ha detto Raggi. Ama, ha spiegato la sindaca, "su questo ha lavorato molto bene, ha svolto una attività capillare di verifica dei conti svelando dati interessanti, un credito di circa 100 milioni di euro che Ama vanta nei confronti della pubblica amministrazione"

La somma è il frutto di una analisi effettuata da Ama al fine di mitigare l'effetto derivante dalla naturale scadenza delle bollette del primo semestre nel mese di giugno. I dati sono relativi a ministeri, utenze militari e di comunità, e quindi ospedali, Asl, ambasciate, scuole, università. Per Palazzo Chigi e ministeri, come detto, il totale degli importi scaduti al 10 luglio 2017 è di circa 20 milioni di euro di cui: Presidenza del Consiglio - 1,2 milioni di euro; ministero dell'Interno - 6 milioni; ministero della Difesa - 3,2 milioni; ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - 2 milioni; ministero dei Beni e delle Attività culturali - 1,7 milioni; ministero di Grazia e Giustizia - 1,5 milioni; ministero dello Sviluppo economico - 1 milione; ministero degli Affari esteri - 822mila euro; ministero del Lavoro e Politiche sociali - 761mila euro; ministero dell'Economia e delle Finanze - 575mila euro; ministero dell'Istruzione - 375mila euro; ministero dell'Agricoltura - 306mila euro; ministero della Salute - 95mila euro; ministero dell'Ambiente - 31mila euro; Camera dei deputati - 369mila euro. 

Una parte di questi importi sono scaduti da oltre mille giorni: i più rilevanti riguardano il Viminale (2,6 milioni di euro), il Mibact (528mila euro), il Mit (508mila euro) e il ministero di Grazia e Giustizia (487mila euro). 

(Fonte Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento