Politica

Superbonus 110% anche per le case del Comune: la proposta arriva in Campidoglio

Svetlana Celli (RomaTornaRoma): "E' un'opportunità che non si può perdere"

Estendere le detrazioni previste con il Superbonus al 110% anche agli immobili di Edilizia residenziale pubblica di proprietà comunale. E’ questa la richiesta che, grazie ad una mozione presentata in Aula Giulio Cesare, l’amministrazione capitolina è chiamata a valutare.

Il patrimonio ERP del Comune

In città ci sono circa 25mila alloggi di proprietà comunale che, in gran parte, sono stati realizzati durante gli anni Settanta. Si tratta quindi di edifici vetusti che, si legge nel documento portato in Assemblea capitolina, “necessitano d’interventi di manutenzione  costanti” al fine di preservarne l’integrità. Non essendo di recente fabbricazione, queste case hanno anche conseguenze pesanti in termini di consumi energetici e di emissioni inquinanti.

La proposta al vaglio del Campidoglio

Per risolvere problemi annosi, che gli inquilini frequentemente segnalano, potrebbe tornare utile il ricorso al cosiddetto Superbonus. “E’ una grande occasione che Roma non può lasciarsi scappare -ha commentato la consigliera Svetlana Celli, prima firmataria della mozione portata in Aula Giulio Cesare - consentirebbe, a costo zero per l’amministrazione, di adeguare sul piano energetico e sismico gli immobili comunali. La Regione, con gli alloggi Ater, si è già attivata in tal senso - ha sottolineato Celli - il Comune non deve perdere altro tempo”.

Il superbonus

Con  “il Decreto Rilancio”, convertito in legge nel luglio del 2020, è stata incrementata al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenuto per far fronte ad interventi di efficientamento energetico, di installazione di impianti fotovoltaici, per l’abbattimento di barriere architettoniche e per la riduzione del rischio sismico. Un’opportunità che consente, ai privati, di effettuare sostanziali migliorie, praticamente a costo zero. Una possibilità riservata anche ai soggetti pubblici, come la Regione ed il Comune, che detengono immobili di edilizia economica e popolare.

Un'opportunità da cogliere

“Il superbonus potrebbe essere agevolmente esteso anche nei condomini misti, dove convivono alloggi del comune ed appartamenti acquistati dai privati cittadini” ha sottolineato la consigliera. Significa che, in definitiva, potrebbero beneficiarne tutti gli edifici ERP del Comune. A condizione che, l’amministrazione cittadina, decida effettivamente di farlo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superbonus 110% anche per le case del Comune: la proposta arriva in Campidoglio

RomaToday è in caricamento