Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Case popolari, Superbonus al 110% anche per gli alloggi del Comune: il Campidoglio approva la proposta

Votata all'unanimità la richiesta di ricorrere al Decreto Rilancio anche per la manutenzione degli immobili comunali

Usare i fondi stanziati nel Decreto Bilancio per riqualificare anche gli immobili di edilizia residenziale pubblica di cui è proprietaria Roma Capitale. La proposta ha messo tutta l’Aula Giulio Cesare d’accordo.

Un'occasione unica

“Si è prospettata un’occasione unica per ammodernare gli alloggi ERP e non potevamo certo permetterci di lasciarcela sfuggire”ha commentato Svetlana Celli (lista RomaTornaRoma) la consigliera che ha presentato l’atto in Assemblea Capitolina. Il dispositivo prevede infatti di coinvolgere il governo per garantire anche agli immobili comunali di poter ottenere le agevolazioni previste con il cosiddetto Superbonus.

Il Superbonus

Con  “il Decreto Rilancio”, convertito in legge nel luglio del 2020, l’aliquota di detrazione delle spese sostenute per la riduzione del rischio sismico (Sisma Bonus), ma anche per l’ efficientamento energetico e l’installazione di impianti fotovoltaici (Eco Bonus) è stata portata al 110%. Una ghiotta opportunità, per i proprietari di immobili vetusti, di migliorare l’efficienza energetica e la sicurezza statica dei propri edifici. Occasione che, il Campidoglio, sta chiedendo di estendere anche agli edifici di proprietà comunale.

Una soluzione per annosi problemi

La maggior parte degli immobili di edilizia residenziale pubblica sono stati realizzati durante gli anni Settanta. Per molti anni sono rimasti senza la dovuta manutenzione e questo ha comportato l’accumularsi di problemi, che vanno dal l'impermeabilizzazione dei tetti all’isolamento non più garantito dei vecchi infissi; dai frequenti guasti agli impianti di riscaldamento, alle perdite delle tubature. Problemi noti, spesso segnalati dagli inquilini che lamentano l’assenza di adeguate manutenzioni.

La società partecipata del Comune e la proroga del Governo

“La Capitale non può permettersi di rinunciare a questa occasione - ha ribadito Svetlana Celli - e com’è stato fatto per altre città, potrà dotarsi di società partecipate per efficientare il proprio patrimonio immobiliare attraverso il Superbonus”. Un’opportunità che è resa ancora più ghiotta per le intenzioni, del Governo, di prorogare i benefici del “Decreto Rilancio” fino al termine del 2023. Soluzione che offrirebbe ancora più tempo, alla macchina amministrativa del Comune, per adempiere alla richiesta appena approvata all’unanimità dall’assemblea capitolina.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari, Superbonus al 110% anche per gli alloggi del Comune: il Campidoglio approva la proposta

RomaToday è in caricamento