Politica

Stupro al parco, Energia Plurale: "Stuprata città intera"

"Gli italiani sono stanchi di essere il ponte per l'immigrazione verso il continente"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

"Basta polemiche inutili, il problema e' europeo: il premier Monti parli a Bruxelles del 'vero spread', quello tra la concezione della donna in Europa e in altri popoli. Gli italiani sono stanchi di essere il ponte per l'immigrazione verso il continente, accogliendo tutti, senza avere gli strumenti idonei per controllare chi sono e cosa fanno poi".

Lo dichiarano in una nota i fondatori di Energia plurale, Alfredo Iorio, Andrea Meschini e Fabio Sabbatani Schiuma,

che aggiungono: "Oggi non e' stata stuprata una donna, ma una citta' e un popolo interi. Chi viene in Italia deve conoscere le nostre regole e rispettare le nostre leggi, mediante un rilascio di una carta d'identita' 'a punti': se vive e lavora onestamente viene integrato, altrimenti solo 'tolleranza zero'".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stupro al parco, Energia Plurale: "Stuprata città intera"

RomaToday è in caricamento