Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Strisce blu, ecco la delibera: soste a 1,50 euro e stop a tariffe agevolate

Il testo della proposta di delibera è stato discusso questa mattina durante la riunione congiunta delle commissioni Mobilità e Bilancio. Belviso: "Assurdo disincentivare l'uso dell'auto senza migliorare il tpl"

Strisce blu a 1,50 euro, una possibilità sempre più reale. Di questa mattina un primo lungo confronto, durante la riunione congiunta delle commissioni Mobilità e Bilancio sull'eventuale incremento della sosta tariffata all'interno e all'esterno della ztl, tra le proposte di delibera funzionali all'approvazione del bilancio capitolino 2014. 

SOSPENSIONE DELLE AGEVOLAZIONI - "Un approfondimento indispensabile", prima di arrivare a un eventuale parere positivo delle commissioni e, successivamente, all'esame dell'Aula, che ha vagliato anche la possibilità di sospendere alcune agevolazioni tariffarie, vedi le otto ore a 4 euro e il mensile a 70. "Una misura voluta per due principali ragioni - hanno spiegato i funzionari del dipartimento Mobilità presenti alla commissione congiunta - in primis per disincentivare il trasporto privato. In secondo luogo per 'esigenze di bilancio' cercando di ottimizzare le entrate".

Il provvedimento andrebbe infatti a coinvolgere 77mila posti auto del centro storico e zone limitrofe. "Ad oggi- hanno spiegato ancora dal dipartimento- di questi 77mila posti, più del 50% sono occupati da residenti e commercianti. Circa la metà della restante percentuale è composta da abbonamenti mensili e giornalieri". Secondo i dati del dipartimento sarebbero 6mila gli abbonamenti mensili e 40mila quelli giornalieri. Anche a fronte di questi dati quindi sarebbe mossa la volontà di sospendere "per il momento" le tariffe agevolate.

LE POLEMICHE - La linea che non trova il favore del capogruppo del Nuovo Centrodestra in Campidoglio, Sveva Belviso, secondo la quale "questa amministrazione intende disincentivare l'utilizzo del mezzo privato senza migliorare il Tpl". "Non possiamo fare provvedimenti al contrario- ha ammonito l'ex vicesindaco- abbiamo l'Atac in grande difficoltà finanziaria che quindi è impossibilitata a garantire un incremento del servizio al cittadino. Preso atto di questo che facciamo? Rendiamo ulteriormente impossibile la vita dei romani che devono andare al lavoro togliendo le tariffe agevolate? Francamente lo trovo assurdo".

Sulla stessa linea della Belviso, anche il gruppo del Movimento 5 Stelle, rappresentato da Enrico Stefano: "Fondamentalmente potremmo essere anche d'accordo con gli aumenti- ha spiegato il portavoce- ma i maggior ricavi che ne deriverebbero dovrebbero essere utilizzati per migliorare il Tpl e non per coprire debiti di bilancio. Per questo propongo che alle prossime riunioni della commissione sia presente anche Atac".

"Questa è una fase di accompagnamento al bilancio - ha spiegato invece il presidente della commissione Bilancio, Alfredo Ferrari (Pd) - questa è una delle 17 delibere propedeutiche (più 4 di Giunta ndr) alla manovra finanziaria che l'aula dovrà approvare e per cui potranno essere apportati dei correttivi. A tal proposito stiamo lavorando in commissione per ottenere una maggiore efficienza del trasporto senza gravare troppo sui cittadini".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strisce blu, ecco la delibera: soste a 1,50 euro e stop a tariffe agevolate

RomaToday è in caricamento