Sabato, 13 Luglio 2024
Politica

Regione Lazio, Sgarbi e Rocca dicono "stop" a nuovi impianti eolici e fotovoltaici

Il Lazio è la regione con più impianti green in Italia

Che l’attuale sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi fosse contrario alle pale eoliche era cosa nota da tempo. Anticipando il dibattito che si è tenuto oggi, giovedì 13 aprile, presso la Sala Spadolini del ministero della Cultura sul tema delle energie rinnovabili, il famoso critico d’arte ha diramato una nota congiunta con il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca. I due, in sintesi, dicono basta con “impianti eolici e fotovoltaici nel Lazio”.

Insulto al paesaggio

Sgarbi si è sempre battuto contro le pale eoliche perché, secondo lui, deturperebbero il paesaggio. “La Regione Lazio è satura di impianti eolici e fotovoltaici con un forte impatto ambientale. Basta a nuovi progetti” hanno detto Rocca e Sgarbi, anticipando così i temi principali dell’odierna conferenza stampa. Per il sottosegretario e il numero uno della Pisana, richiamando le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella pronunciate nel 2021, “gli insulti al paesaggio e alla natura oltre a rappresentare un affronto all’intelligenza, sono un attacco alla nostra identità”.

Sgarbi e Rocca hanno parlato poi del valore della cultura legata alla ricerca, al paesaggio e al patrimonio artistico e storica dell’Italia, “tutti beni da promuovere e tutelare”. Il paesaggio, in particolare, “è l’elemento portante” del turismo in Italia e nel Lazio, “il cui fascino richiama ogni anno milioni di visitatori. Difenderlo, oltre le enunciazioni di principio, significa salvaguardare un elemento importante della nostra economia”.

Lazio regina del sole e del vento

La regione Lazio ha il primato in Italia per quanto concerne l’energia prodotto con pale eoliche ed impianti fotovoltaici. A marzo 2022, l’allora governo Draghi ha sbloccato la realizzazione di 18 impianti, 10 dei quali nel Lazio. Cinque impianti solo a Montalto di Castro, due a Tuscania e uno a Tarquinia, in provincia di Viterbo che si conferma come la zona con la maggiore vocazione verso queste nuove tecnologie. Un impianto riguarderà proprio la città di Viterbo e uno ad Aprilia, in provincia di Latina.  Di recente, dalla Regione Lazio è arrivato il via libera alla realizzazione di un impianto di produzione di energia rinnovabile da fonte eolica nel comune di Arlena di Castro, sempre a Viterbo.

A proposito di turismo, nel progetto degli impianti di Arlena di Castro si legge che uno degli obiettivi, oltre a produrre energia, è quella di far diventare le pale eoliche una meta turistica, con visite guidate soprattutto per le scolaresche.

Idea malsana

L’ex assessora alla transizione ecologica del Lazio, Roberta Lombardi, in un lungo post Facebook ha attaccato la scelta del governatore Rocca. La Lombardi, che vanta di aver avviato le procedure per la costituzione delle comunità energetiche regionali e di aver fatto approvare dal Lazio, prima regione in Italia, il piano per la transizione ecologica, ha attaccato le parole del presidente Rocca definendo “malsana” l’idea di “bloccare ogni nuovo progetto nella nostra regione, andando in controtendenza con i dettami dell’Unione Europea”. La Lombardi accusa Rocca di voler smantellare “le politiche energetiche che avevano reso la Regione Lazio all’avanguardia come programmazione, pianificazione e investimenti nel settore delle rinnovabili”.

Piano energetico regionale

La Lombardi chiude la sua lunga nota chiedendo a Rocca “di portare velocemente in Consiglio” il “nuovo Piano Energetico regionale, approvato definitivamente in Giunta a novembre dello scorso anno”. Il piano ha l’obiettivo di “azzerare le emissioni di CO2, entro il 2050, utilizzando al cento per cento le energie rinnovabili. E’ questo l’unico modo di salvaguardare l’ambiente, le economie locali, lo sviluppo sostenibile della nostra regione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione Lazio, Sgarbi e Rocca dicono "stop" a nuovi impianti eolici e fotovoltaici
RomaToday è in caricamento