Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Matteo Salvini scalda i motori e sfida M5s e Pd: il 28 novembre gli Stati Generali per Roma

Appuntamento al Teatro Italia con parlamentari e leghisti del territorio: "Lanceremo le nostre idee per risollevare la città"

Matteo Salvini (Foto Ansa)

Dopo settimane di campagna elettorale seppur a più di un anno dalle urne comunali, l'autunno della Lega a Roma si chiude con gli Stati Generali. Il 28 novembre, dal palco del Teatro Italia, zona piazza Bologna, Matteo Salvini lancerà il suo guanto di sfida a M5s e Pd, sempre più intenzionato a prendersi, nel 2021, il Campidoglio. Parlerà ai romani in chiusura dell'evento, dopo i parlamentari più in vista, gli eletti sui territori e in regione, i coordinatori municipali.

"Presentiamo le prime idee per Roma - commenta il capogruppo in Comune Maurizio Politi - la Capitale è fondamentale per la Lega". Già, la narrazione da organizzare è proprio questa: portare la Città eterna nell'agenda di un partito che non l'ha mai considerata tra le priorità. "Stiamo costruendo un programma che proietti Roma nel futuro". Rifiuti, trasporti, servizi sociali e welfare cittadino, sicurezza, tessuto commerciale. Una serie di slide per punti chiave aiuteranno nell'illustrazione. Niente di troppo specifico al momento. C'è ancora tempo per definire i dettagli delle proposte reali. Quella del 28 è più di tutto una vetrina. 

Una kermesse da cui lanciare un messaggio chiaro alla città, sdoganare anche a Roma una destra a trazione leghista e convincere le categorie sociali e produttive della bontà del progetto salviniano, all'amatriciana. Un trampolino di lancio, dopo un autunno trascorso tra blitz a sorpresa di Salvini nei quartieri di periferia, e riunioni carbonare per tentare di mettere insieme una squadra, non senza fatica data l'assenza quasi totale di una classe dirigente leghista romana.   

Obiettivo riuscito per Claudio Durigonex sottosegretario al ministero del Lavoro poi tornato con la caduta del governo gialloverde a ricoprire il ruolo di coordinatore della Lega Lazio. "Stiamo strutturando un gruppo di professionisti, politici, imprenditori e società civile che nei nostri dipartimenti si sta mettendo a disposizione per il bene della città" spiega a RomaToday, lanciando poi l'altro messaggio, quello tutto politico, alle forze di governo in carica.

"La Raggi ha fallito, esattamente come ha fallito Zingaretti in Regione". M5s e Pd, i nemici ora alleati, che proprio a Roma, tra Campidoglio e Pisana, sono fin troppo facili da colpire insieme. Basta elencare i disastri quotidiani che mettono in ginocchio la città. E nel frattempo aggregare nuove leve da mettere in campo. Ultimo ingresso quello dell'ex grillino Fabio Fucci, prima sindaco modello di Pomezia esaltato da Beppe Grillo poi "reietto" del Movimento, prontamente salito sul Carroccio. Che di volti spendibili ha molto bisogno. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Salvini scalda i motori e sfida M5s e Pd: il 28 novembre gli Stati Generali per Roma

RomaToday è in caricamento